Tesla: con la fiammata dopo la trimestrale i massimi storici sono sempre più vicini

Analisi Fondamentale

Tesla ha la caratteristica di essere un titolo molto volatile e spesso nervoso. Quindi molto difficile da gestire ma che può regalare grandi soddisfazioni. Una dimostrazione di questo comportamento l’abbiamo avuta di recente. I conti trimestrali del gruppo dell’auto elettrica hanno infatti provocato una fiammata dei prezzi tale da permettere al titolo di infrangere l’importante livello dei 300 dollari.

Va ricordato però che Tesla, rispetto agli altri i-Tech, non ha brillato in questi primi 9 mesi del 2019. Il mercato infatti si aspettava conti ben più deboli per il terzo trimestre 2019 e invece, il gruppo guidato da Elon Musk, ha saputo stupire battendo il consensus. Quello che però ha sorpreso tutti è stato l’utile adjusted che, raggiungendo i 143 milioni di dollari (EPS a 0,80 dollari per azione), ha battuto le attese ferme ad un rosso di 234,4 milioni.

Anche la guidance aziendale sul quarto trimestre dell’anno ha contribuito al risultato borsistico. Il management si è mostrato molto fiducioso nella sua capacità di consegnare più di 360.000 veicoli nel 2019, il che significa che dovrà garantire almeno 105.000 consegne negli ultimi 3 mesi dell’anno. Gli analisti rimangono però ancora cauti sul titolo proprio per le difficoltà della società a generare utili in maniera costante.

Analisi Tecnica

Dal punto di vista tecnico, il titolo ha dato prova di forza infrangendo in break away gap i 300 dollari. Sono sempre più vicini i massimi storici a 389,6 dollari, con il sentiment particolarmente favorevole al titolo. Lo dimostrano i forti volumi nelle sedute del 24 e 25 ottobre e anche RSI che segna un fortissimo ipercomprato. Detto questo però, la candela doji del 28 ottobre unito al livello di eccesso sull’oscillatore potrebbe far scattare prese di profitto di breve sul titolo.

In tal caso, potrebbe verificarsi un pull back verso 300 dollari, supporto particolarmente importante per Tesla e da cui i prezzi potrebbero ripartire al rialzo. Se invece il mercato dovesse avviare una fase di correzione nelle prossime sedute, il titolo potrebbe persino andare a chiudere il gap up, pur non cambiando il quadro positivo. Il cambio di sentiment si avrebbe invece con il break del supporto chiave collocato a 248 dollari.

GD Star Rating
loading...
GD Star Rating
loading...
Tags:   |
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ uscita rialzista ] prossimo
Le tensioni in Medio Oriente ovviamente aumentano un po' la paura anche sui derivati. Ma in realtà si tratta non di panico
Un'esperienza all'estero per arricchire il proprio curriculum e rafforzare la padronanza delle lingue straniere può essere u
Analisi Fondamentale Il 2019 è stato un anno da record per il Ftse Mib che ha messo a segno una performance vicina al +30%,
Il problema del gap pensionistico è sicuramente importante. Ma siamo onesti. Quanto è sottovalutato? E soprattutto perch
Ftse Mib: l'indice italiano apre debole in scia all'attacco dell'Iran ad una base USA in Iraq. Gli operatori ora attendono le d
Ho ancora nella mente il pensiero di un economista americano il quale alla domanda su come risolvere la crisi subprime risp
I dati sul tasso inflazione sono stati abbastanza sorprendenti, in Italia come in Europa. Ma attenzione alla corretta lettu
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ uscita rialzista ] prossimo
Come temevo, il mercato dimostra di avere le spalle larghe. Il rischio di avere un mercato non così negativo in un contest