Economia: stiamo andando verso la stagflazione?

economia, stagflazione, inflazione, deflazione, italia, 2016, outlook, stime

L’inflazione è stata così bassa negli ultimi tempi che difficilmente ci si è preoccupati del problema. Ma in alcuni Paesi, dove vi sono aspettative di inflazione in rialzo, congiuntamente ad una crescita economica asssente, si inizia a parlare di stagflazione.

Che cos’è la stagflazione?
Il termine “stagflazione”, coniato nel 1965 dal politico inglese Iain Macleod, è una combinazione dei termini stagnazione e inflazione e fa riferimento a una contingenza economica in cui l’inflazione è alta e la crescita economica lenta.

L’inflazione è stata incredibilmente bassa in questi anni, quindi ovviamente non siamo in un periodo di stagflazione ma l’aspetto più interessante è che l’inflazione continua a non crescere, in un momento in cui i tassi d’interesse globali sono al loro minimo storico.

I tassi di interesse possono combattere l’inflazione
Uno degli strumenti con cui le banche centrali combattono l’inflazione è l’aumento dei tassi di interesse. Ma a partire dalla crisi finanziaria del 2008, la preoccupazione principale delle banche centrali è sempre stata quella opposta, ossia far uscire l’economia dalla recessione, incentivare la crescita e raggiungere il target inflazione.

I tassi di interesse bassi sono diventati la regola ma hanno avuto un impatto minimo sulla crescita, e infatti le banche centrali hanno dovuto adottare misure di politica monetaria straordinaria (quantitative easing) per darle un ulteriore impulso.

L’inflazione dell’Eurozona è attualmente pari allo 0.4%, mentre i tassi di riferimento sono nulli (0%) e il target di inflazione per la Banca Centrale Europea è del 2%; quindi siamo ancora lontani da un’inflazione fuori controllo. In marzo la Banca Centrale Europea, inoltre, ha tagliato i tassi d’interesse e ha espanso il programma di quantitative easing attraverso una serie di misure eccezionali mai adottate prima.

La diversificazione è il fattore chiave delle performance
In un periodo di stagflazione diversificare diventa ancor più importante per gli investitori; una diversificazione in termini di asset class, valuta e territorio che renda il portafoglio davvero globale, assicura agli investitori tutti i benefici derivanti dalla crescita degli altri mercati.

Con una crescita bassa è difficile per le banche centrali alzare i tassi d’interesse, gli investitori hanno difficoltà a risparmiare e ancor di più ad accrescere il loro capitale. Possono beneficiare dell’esposizione ai bond indicizzati all’inflazione ma è una strategia da considerare solo in un portafoglio diversificato poiché non è priva di rischi.

Quando l’inflazione salirà, ci saranno da considerare importanti indicatori della crescita economica quali il PIL, i salari e la disoccupazione. Se i salari non dovessero aumentare di pari passo, è difficile pensare a una crescita robusta nei paesi sviluppati.

Marco Jean Aboav,
Head of Asset Allocation di Moneyfarm

Tags: ,   |
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network
Potrei parlarvi dell’inflazione USA che è stata meno elevata del previsto. Il che va a confermare quanto già si era det
Analisi dei posizionamenti monetari totali e parziali sulla trimestrale Dicembre di Eurostoxx50. Sul primo grafico è relati
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2019/2020 (range 15017/25483 ) [ uscita rialzista ] prossim
Puntata speciale di Trading Floor con ospite Pierpaolo Scandurra, Amministratore Delegato di Certificati e Derivati e direttor
Lo abbiamo preannunciato 2 mesi fa, sempre controcorrente, unici come sempre, mentre il mondo intero strillava l'inflazione
Veloce analisi sui posizionamenti degli operatori dello specialistico mercato delle opzioni relativamente all'indice Ftsemib.
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2019/2020 (range 15017/25483 ) [ uscita rialzista ] prossim
Forse qualcuno di Voi se lo ricorderà, l' economista Paul Kasriel, uno dei nostri maestri, quelli lontani dai riflettori,
Dopo il post di ieri, mi è arrivata un’email dove mi è stato chiesto di essere più chiaro e più esaustivo nella parte
A pochi giorni dalla trimestrale Settembre tutti gli indici hanno segnato chiusure positive. Su Eurostoxx50 nuove aperture d