Salva banche: obbligazionisti subordinati e azionisti di Banca Etruria, Banca Marche, CariFe e CariChieti possono recuperare l’investimento perduto

Il Centro Studi di Assobond, l’associazione di consumatori specializzata nel tutelare da oltre 15 anni gli investimenti dei risparmiatori italiani sul mercato finanziario, sta analizzando le possibili soluzioni giuridiche per favorire il rimborso degli obbligazionisti ed azionisti coinvolti nel salvataggio di Banca Etruria, Banca Marche, Carife e Carichieti, fornendo assistenza gratuita a tutti coloro i quali hanno perduto i propri risparmi in seguito alle note vicende.

Da una prima analisi della normativa, coloro i quali hanno acquistato le azioni e le obbligazioni subordinate possono agire per ottenere il rimborso dell’investimento perduto rivalendosi contro gli intermediari bancari attraverso i quali hanno negoziato i titoli in questione.

Secondo il Centro Studi di Assobond tale soluzione potrebbe applicarsi a più del 15% dei risparmiatori coinvolti (coloro i quali sono clienti delle banche non coinvolte dal decreto legge 22 novembre 2015 n. 183 e che, tuttavia, hanno acquistato i titoli in questione).

In sostanza, se il risparmiatore ha acquistato i titoli tramite un diverso intermediario (non, quindi, attraverso le stesse banche “salvate”, bensì attraverso una diversa banca della quale sono clienti) può agire per recuperare l’investimento opponendo alla banca intermediaria l’omissione degli obblighi informativi e di trasparenza ex art. 21 del T.U.F., nonché facendo leva sull’adeguatezza/appropriatezza dell’acquisto e sull’ illiquidità dello stesso in relazione al profilo finanziario stilato in ossequio alla normativa MiFid, oltre a poter eccepire eventuali profili di carenza di forma ad substantiam eventualmente presenti nel quadro contrattuale.

Per quanto riguarda i risparmiatori che, invece, hanno acquistato i titoli negoziandoli attraverso le banche coinvolte, Assobond sta verificando la possibilità di recuperare gli investimenti attraverso azioni giudiziali volte a verificare ed, eventualmente, a ripristinare le garanzie patrimoniali delle banche coinvolte, nonché ad attaccare le norme emanate dal governo sospettate di illegittimità per le evidenti violazioni dei principii di cui agli artt. 3 Cost. e 47 Cost.

Nessun commento Commenta

Articoli dal Network
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2019/2020 (range 15017/25483 ) [ uscita rialzista ] prossim
Puntata speciale di Trading Floor con ospite Pierpaolo Scandurra, amministratore delegato di Certificati e Derivati e diretto
L'immagine qui sopra risale all'anno 2017, la copertina di un lavoro commissionato da una importante istituzione italiana,
Mercati sempre ricchi di sorprese con prezzi che aprono sopra ai massimi relativi e che poi ripiegano velocemente fino ad arriv
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2019/2020 (range 15017/25483 ) [ uscita rialzista ] prossim
Guest post: Trading Room #446. Il minimo di settimana è pari al minimo di marzo. Un possibile supporto che potrebbe rilancia
Quante volte sui blog e sui vari siti di finanza si parla del cigno nero, uno scenario apocalittico legato ad eventi che ha
Giornata di ieri assolutamente piatta e priva di qualsiasi spunto operativo, sia a livello di prezzi che a livello di volatilit
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2019/2020 (range 15017/25483 ) [ uscita rialzista ] prossim
Il quadro del CFTC di Chicago ci riporta uno scenario dove le mani forti, continuano a provare a riacquistare peso ma è mo