Goldstein/Nomisma :indicatori di ricchezza francesi utili per Italia

“Uno studio pubblicato martedì 27 ottobre da Matignon (il Palazzo Chigi d’Oltralpe) dal titolo “Les nouveaux Indicateurs de Richesse” , offre interessanti indicatori anche per l’Italia” dichiara Andrea Goldstein, Managing Director di Nomisma per la ricerca.

Esso consente infatti di misurare lo stato dell’economia sulla base di indicatori complementari al PIL e coerenti con la strategia Europe 2020 della Commissione Europea a favore di una crescita «intelligente», «sostenibile» e «inclusiva».

L’Italia se la passa abbastanza male in molti campi, dalla spesa in ricerca e sviluppo (1,3% del PIL contro una media europea dell’1,9%), all’occupazione tra i giovani sotto i 24 anni (meno del 20% contro più del 50% in Austria e Danimarca). Ci sono però degli indicatori in cui le tendenze sono più complesse, in particolare per il debito, alto, anzi altissimo (quello del settore pubblico) ma in compenso abbastanza modesto per quanto concerne quello delle imprese e delle famiglie. Ovviamente c’è però uno spiazzamento sui mercati finanziari che penalizza il privato rispetto al pubblico.
Anche sugli indicatori di benessere il quadro non è univoco. A 60 anni un italiano ha una speranza di vita attesa di ulteriori 22,6 anni, come i cugini latini (Francia e Spagna) e gli svedesi, e più degli altri. E, pur priva di nucleare, l’Italia ha le più basse emissioni di CO2 insieme alla Francia. Tutto bene? Forse no, perché la valutazione che gli italiani danno della qualità della propria vita (6,7 su 10) è sotto la media e lontanissima dai valori registrati in Scandinavia, ma anche in Germania e Regno Unito (7,3), Francia e Spagna. Mentre il tasso di privazione è il più alto dell’UE (24%, contro 19,6%). Del resto nel nostro paese è anche maggiore l’ineguaglianza nella distribuzione del reddito, che oltretutto dopo essere diminuita durante il secondo governo Prodi, ha riiniziato a crescere dal 2008” , continua Goldstein.

“Ciò che è indubbio” – conclude Goldstein – “è che esercizi di questo tipo sono essenziali per migliorare le politiche pubbliche, a livello sia nazionale sia europeo. Bisogna ragionare sul lungo periodo, e questi indicatori descrivono tendenze e progressi, per poter chiarire la natura delle sfide veramente importanti cui l’Italia e i suoi governanti devono fare fronte”.

Tags:   |
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2022 (range 20183 /28212 ) [ in attesa ] prossimo 2023
Alla fine tutto si compie! Ieri sembrava la fiera dell'est, dove mio padre, per due soldi si comprò tutti i carri armati d
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2022 (range 20183 /28212 ) [ in attesa ] prossimo 2023
Avevamo sperato che l'interesse finanziario e geopolitico, la stupidità umana fosse limitata, ma probabilmente come scrive
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2022 (range 20183 /28212 ) [ in attesa ] prossimo 2023
ANALISI MONETARIA SCADENZA MARZO 2023 Il grafico dei prezzi ci conferma come il Ftsemib, dopo i minimi in area 20300, abbia
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2022 (range 20183 /28212 ) [ in attesa ] prossimo 2023
Guest post: Trading Room #466. Il grafico FTSEMIB si prende un momento di consolidamento anche se al momento il trend rialzis
  Si lo so, lo hanno scritto e detto in molti, compreso il Papa, la terza guerra mondiale è iniziata da tempo, ben
Analisi Tecnica Doji star di indecisione al test del target del trading range e rifiato del nostrano che va a scaricare l'perc