World Payments Report 2015: i pagamenti non-cash crescono più velocemente del PIL

Scritto il alle 14:29 da redazione [email protected]

I volumi dei pagamenti non-cash del 2014 continueranno a crescere rapidamente, secondo il World Payments Report 2015 pubblicato da Capgemini, uno dei maggiori provider mondiali di consulenza, tecnologia e servizi in outsourcing, e da Royal Bank of Scotland (RBS). Si stima che i pagamenti non-cash cresceranno globalmente dell’8,9% toccando un record di 389,7 miliardi di transazioni, in aumento rispetto al 7,6% di crescita del 2013. Tale crescita risulta dalla combinazione di fattori che comprende la forte crescita dei volumi di transazioni non-cash nei Paesi dell’Asia Emergente e la diffusa adozione di tecnologia mobile per pagamenti nei mercati maturi. Nel 2013 il volume di transazioni non-cash è aumentato più velocemente del PIL di tutte le aree geografiche. Per il 2014 la previsione di crescita è alimentata dalla ripresa economica dei mercati maturi, dalla rapida espansione in Cina, dall’adozione di tecnologia mobile e contactless, e dal passaggio globale verso i sistemi di Pagamento Immediato.

L’Asia Emergente continua a sospingere la crescita

Si calcola che le transazioni non-cash nell’Asia Emergente siano cresciute del 27% nel 2014 rispetto al 22% del 2013 grazie all’aumentato utilizzo di Internet e all’adozione dei pagamenti mobile. In particolare, i volumi di pagamenti non-cash in Cina dovrebbero sorpassare quelli di Germania, Regno Unito, Francia e Corea del Sud arrivando alla quarta posizione a livello globale alle spalle di USA, Eurozona e Brasile che sono rispettivamente posizionati ai primi tre posti. La Cina ha accresciuto i pagamenti non-cash nel 2013 del 37,7%, un record, grazie all’accelerazione dell’apertura del mercato interno delle carte di pagamento ai competitor stranieri e alla diffusione dei POS nel Paese. Anche i pagamenti mobile sono cresciuti significativamente di volume – +170% – raggiungendo 4,5 miliardi di transazioni e diventando un elemento centrale dell’ecosistema cinese dei pagamenti.

Crescono anche i volumi dei Pagamenti Nascosti

I Pagamenti Nascosti, ovvero quelli processati da sistemi non bancari (che comprendono carte a circuito chiuso e app mobile, digital wallet mobile e valute virtuali), sono stimati essere pari al 10% circa (40,9 miliardi) delle transazioni non-cash del 2014 e sono previsti in ulteriore crescita nei prossimi anni. L’assenza di dati coerenti sui Pagamenti Nascosti rende difficoltoso per le banche e i provider non bancari di servizi di pagamento riuscire a determinare modelli operativi e di elaborazione ottimali in tali mercati. Poiché i Pagamenti Nascosti non sono soggetti a regolamentazione, sorgono preoccupazioni relative a possibili violazioni della privacy sui dati dei consumatori, alla sicurezza delle informazioni, alla risoluzione delle dispute ed al contrasto a frodi e riciclaggio, per minimizzare le quali è necessario sviluppare una adeguata regolamentazione.

Le banche sono ancora nella posizione ideale per offrire innovazione customer-centric

Nonostante la crescita di nuovi concorrenti, a sua volta favorita dallo sviluppo di metodi di pagamento alternativi come i digital wallet e le app mobile, le banche beneficiano ancora di un miglior posizionamento rispetto ai nuovi competitors, che consente di sviluppare innovazioni in grado di migliorare la customer experience e porsi come provider di riferimento in grado di fornire soluzioni olistiche su tutti gli strumenti e i canali. In particolare, nuove offerte e servizi a valore aggiunto possono essere sviluppati intorno ai i Pagamenti Immediati, i quali permettono di effettuare trasferimenti da un conto all’altro in pochi secondi, 24 ore al giorno, consentendo ai clienti di disporre altrettanto rapidamente dei fondi ricevuti. Anche la regolamentazione ha un ruolo importante nel promuovere l’innovazione. Secondo il WPR 2015, l’86% degli operatori intervistati ritiene che i regolatori debbano valutare e modificare le normative vigenti affinché i Pagamenti Immediati possano diffondersi a livello globale. L’adozione dei Pagamenti Immediati è infatti rallentata da ostacoli quali l’assenza di interoperabilità tra sistemi creati secondo standard differenti in Europa e nel resto del mondo. Tali ostacoli possono essere rimossi da parte della regolamentazione attraverso la definizione di standard e regole in grado di promuovere l’interoperabilità. “Ogni anno le banche affrontano nuove sfide per innovare e rispondere alle esigenze dei consumatori che chiedono metodi di pagamento più comodi, veloci, sicuri e mobili”, ha dichiarato Andrea Falleni, Senior Vice President, COO FSI & North Market di Capgemini Italia. “A causa di queste pressioni e di innovazioni come i Pagamenti Immediati, i provider di servizi di pagamento devono assumere un approccio a lungo termine e intervenire contemporaneamente sui modelli di business ed operativi”. Un’altra novità che sta ridisegnando il mercato dei pagamenti è costituito dalla tecnologia Blockchain, che si caratterizza per trasparenza e decentralizzazione nel processing. Questo mix ha le potenzialità per migliorare l’efficienza delle transazioni finanziarie e accelerare la velocità di esecuzione dei trasferimenti fra i diversi attori. “La nuova tecnologia sta accelerando i cambiamenti nel settore dei pagamenti attraverso l’offerta di soluzioni olistiche per i clienti che passano dai pagamenti fisici a quelli digitali, come provato dall’adozione del contactless nel Regno Unito con 53m di transazioni nel marzo 2015. Come partner di fiducia, ci troviamo nel cuore delle transazioni dei clienti facilitando il passaggio ai pagamenti digitali”, ha commentato Marion King, Director of Payments di RBS. “La digital economy trasforma l’innovazione in tecnologia, offrendo ai clienti più scelta e comodità nel modo di pagare e fare business”.

GD Star Rating
loading...
GD Star Rating
loading...
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ uscita rialzista ] outside
Permettetemi una piccola provocazione. Credo sia noto a tutti la fase di profonda difficoltà economica, ma anche politica
Ftse Mib: apertura debole per l'indice italiano dopo la seduta da dimenticare di ieri. I livelli da monitorare rimangono gli st
Vittoria HUB, primo incubatore in Italia basato sull’Open Innovation, lancia la seconda  Call for Ideas per promuovere una
Il periodico Fortune ha pubblicato nei giorni scorsi un articolo che riepiloga alcuni dati di una ricerca effettuata da J.P
Queste le movimentazioni monetarie sui principali derivati europei. Sulle Mibo lieve aumento della componente future, chiusu
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ uscita rialzista ] outside
Siamo arrivati alle elezioni USA ed i mercati sembrano coprirsi, in attesa di una fase di maggiore volatilità. Ennesima an
Nel fine settimana mi sono guardato il film che racconta la storia delle elezioni americane del 2000,  “Recount - The s
Guest post: Trading Room #378. Anche il nostro FTSEMIB resta in attesa di quello che può essere l'esito delle elezioni USA.