Italia: con l’inflazione a zero i lavoratori nel 2015 vedranno crescere gli stipendi reali

Dopo diversi anni in cui gli aumenti degli stipendi sono stati pari o inferiori al livello dell’inflazione, nel 2015 i lavoratori italiani sono pronti a beneficiare di una crescita degli stipendi in termini reali: è quanto emerge dall’ultimo Salary Budget Planning Study di Towers Watson.

Lo studio, che concerne principalmente le aziende del settore privato, rivela che lo stipendio medio italiano è cresciuto del 2.5%; ciò, unito alla bassa inflazione annuale del 0.4%, porterà a una crescita in termini reali degli stipendi che non si registrava da molti anni.

Si prevede che l’aumento dei salari in Europa supererà significativamente l’inflazione quest’anno, con Francia ed Olanda che beneficeranno di condizioni simili all’Italia, mentre i dipendenti britannici e tedeschi beneficeranno di un aumento medio di circa il 3%.

In Spagna, Svizzera, Irlanda e Grecia le risorse stanziate per aumentare gli stipendi saranno più basse, pari a circa il 2%, ma i livelli negativi d’inflazione in questi paesi dovrebbero riflettersi in un costo della vita più basso per la maggioranza dei lavoratori.

Rodolfo Monni, Responsabile Indagini Retributive di Towers Watson in Italia commenta: “Nel 2015 molti dipendenti percepiranno che la tendenza è variata. La combinazione di un discreto aumento dei salari e un’inflazione vicina a livelli record negativi fanno sì che i dipendenti italiani inizino a vedere un reale incremento del loro reddito dopo anni di crescita zero. La situazione è analoga nel resto dell’Europa occidentale: in tutti i paesi le risorse stanziate per gli stipendi superano significativamente l’inflazione, cosa che non sempre si è verificata nel corso degli ultimi anni”.

Per il 2016, la previsione per l’Italia è molto simile in termini di crescita degli stipendi, ma con l’inflazione attesa rapidamente in crescita dal 0.4% al 1.2%: l’aumento del reddito disponibile in termini reali sarà percepito in forma attenuata.

Uno scenario simile è atteso in Europa, con l’incremento degli stipendi compreso tra il 2-3%. È previsto inoltre che il tasso di inflazione si attesterà nel continente a circa il 1.2-1.6%, fatta eccezione per Spagna, Svizzera, e Grecia dove si stima che l’inflazione resterà inferiore all’1%.

“Anche se l’inflazione, come atteso, dovesse crescere dell’1.2% l’anno prossimo, si tratta pur sempre di un livello storicamente basso. Per fare un confronto, tra il 2011 ed il 2013 abbiamo registrato un’inflazione annua compresa tra il 2.5% ed il 4.5% e una crescita degli stipendi che era equivalente o significativamente inferiore. Di conseguenza, nel 2016 si prevede quindi un nuovo incremento dei salari in termini reali”, ha continuato Monni.

Nessun commento Commenta

Articoli dal Network
La trimestrale di NVIDIA stupisce i mercati e il rally continua. Ma allo stesso tempo, il mercato obbligazionario si comporta i
La Cina è un'immensa mina deflattiva esplosa nell'oceano globale, una spettacolare bolla immobiliare a fare da attrattiva
Lo so, deve essere stato difficile per ben 13 anni aspettare l'inflazione, chiamare l'inflazione ogni giorno dal 2008, frus
Guest post: Trading Room #511. Il grafico FTSEMIB weekly ha una struttura che continua ad essere rialzista malgrado i dati su
Malgrado i dati macro non sicuramente eccezionali per i mercati, con un'inflazione che sale e cambia un po' le previsioni sui t
Giornata perfetta ieri, con nuovi massimi sui mercati europei come aveva previsto su Twitter il nostro Puntosella, bond che
Oggi, terzo venerdì del mese, è giornata di scadenze tecniche. Scadranno le opzioni su azioni, le opzioni su future e le opzi
Viviamo davvero in un mondo di matti, basta guardare alla reazione isterica dei profeti dell'inflazione da domanda, a un da
Mentre a Francoforte si discute sul sesso degli angeli, sull'inflazione che sta per sparire come nebbia al sole, in Olanda
Guest post: Trading Room #510. Il grafico FTSEMIB weekly ha una struttura chiara ed evidente. La lateralità si è rotta e la