Fiducia delle PMI in crescita: traina l’export in attesa della ripresa della domanda interna

Scritto il alle 17:01 da redazione [email protected]

L’indice di fiducia delle PMI raggiunge valori record in tutta Europa, Italia compresa. È il principale elemento che emerge dall’ultimo rilevamento del Capex Barometer di GE Capital, ricerca internazionale sulle intenzioni di investimento in beni strumentali commissionata da GE Capital International e condotta in 9 Paesi (7 dell’Unione Europea*, Stati Uniti e Australia). In particolare l’indice di fiducia per il segmento PMI nel nostro Paese raggiuge valore 35%, segnando un incremento del 17% rispetto a quanto registrato nel 2014 (18%). Pur segnando un record da quando è condotta la ricerca (3 anni) l’indice italiano rimane inferiore a quello medio europeo (39%).

Segnali di crescita nel 2014: export italiano al top

L’ottimismo delle aziende italiane è spiegabile ricorrendo a diversi fattori, riconducibili all’insieme del miglioramento di alcuni indicatori economici confermati da diverse fonti, tra i quali si segnalano l’aumento delle immatricolazioni di automobili, l’incremento della produzione industriale e manifatturiera, i primi – anche se contradittori – segnali di ripresa dell’occupazione, la fiducia sugli effetti positivi che il Quantitative Easing. Ma è anche riconducibile ai discreti risultati registrati nel 2014: le aziende coinvolte nella ricerca infatti che hanno dichiarato un fatturato in crescita nei 12 mesi passati costituiscono la maggioranza in tutti i Paesi Europei: in Italia sono il 54% delle PMI, dato che colloca l’Italia insieme a Francia; Polonia e Ungheria, ma dietro a Gran Bretagna, Germania e Polonia.

A guidare le performance del comparto è stato l’export: nel nostro Paese infatti ben il 46% delle PMI ha dichiarato un incremento dei fatturati derivanti dalle esportazioni, la performance migliore tra tutti i Paesi Europei monitorati.

Gli investimenti in beni strumentali

Il totale degli investimenti che il comparto PMI intende destinare ai beni strumentali ammonta a 80,1 miliardi di euro (era di 60,1 nel 2014), ritornando vicinissimo ai livelli del 2013 (81,9). Anche in questo caso la fotografia che emerge dall’ Index di GE Capital è in chiaro scuro: se infatti le piccole imprese nei prossimi 12 mesi sono intenzionate ad aumentare gli investimenti, le medie aziende sembrerebbero sulla strada della loro contrazione. Tuttavia seppure l’aumento complessivo degli investimenti è del 33% quello marginale (calcolato ciò sulla media di incremento per singola azienda) è inferiore al 2%.

Gli investimenti pianificati si orienteranno prevalentemente in macchinari (36,3 miliardi), ma in termini di aumento rispetto alle rilevazioni precedenti sono i veicoli commerciali a giocare la parte del leone passando dai 17,5 miliardi pianificati nel 2014 ai 24,7 miliardi quest’anno, segnando un incremento del 41%. Gli investimenti in IT, hardware e software, passano dagli 11,7 miliardi del 2014 ai 13,8 del 2015 (+18%) e quelli in office equipment rimangono sostanzialmente stabili (da 4,7 a 5,3).

Se si allarga lo sguardo all’insieme delle economie europee coinvolte nell’indagine si nota che il totale degli investimenti in beni strumentali è in diminuzione (dai 414 miliardi del 2014 ai 381 di quest’anno). Una possibile spiegazione “sistemica” è rappresentato dal “Capex lifecycle”: dopo anni di investimenti in beni strumentali le PMI europee cioè avrebbero iniziato a virare gli investimenti nel campo della ricerca delle competenze e delle figure professionali capaci di guidare la crescita attesa e garantire un ritorno sugli investimenti effettuati.

Per quanto riguarda gli strumenti finanziari che le aziende intendono impiegare per sostenere gli investimenti, i più significativi sono rappresentati dai prestiti bancari e dal leasing con alcune differenze a seconda della dimensione delle imprese considerate, con i prestiti preferiti dalla piccole aziende e la formula del leasing da quelle medie. Il ricorso sempre più frequente a strumenti finanziari non tradizionali (in particolare al leasing) è una tendenza che si riscontra e si è consolidata negli ultimi anni e che segnala tra l’altro che quando si sceglie tale strumento si tende a prediligere un vendor specializzato piuttosto che una Banca tradizionale.

“La ricerca odierna sottolinea un aspetto che da anni notiamo sul mercato e che è confermato da diverse Istituzioni nazionali: il progressivo incremento del ricorso al leasing come strumento di finanziamento utilizzato dalle imprese italiane. Quello che sta cambiando, fortunatamente, complice anche la minore disponibilità di risorse e la contestuale attenzione alla sostenibilità economica è che gli investimenti sono sempre più mirati e vanno nella direzione di dotare l’impresa dei beni realmente necessari per crescere e non perdere le opportunità di business offerte dal mercato nazionale e dai mercati internazionali più promettenti”, ha commentato Massimo Macciocchi, Commercial Leader EF & Transportation di GE Capital Italy.

Nessun commento Commenta

Articoli dal Network
Opzioni e future 21 Ottobre. Gli indici azionari mercoledì si sono stabilizzati in modo eterogeneo, con l'S&P 500 che h
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2019/2020 (range 15017/25483 ) [ uscita rialzista ] prossim
Come abbiamo più volte detto, la bolla immobiliare cinese non ci ha certo colti impreparati, era una cosa nota anche al Go
Puntata speciale di Trading Floor con ospite Pietro Di Lorenzo, trader professionista e fondatore SOS Trader. Abbiamo parlato
Ok, lo studio della FED di Atlanta sul PIL USA, il noto GDPNow, sempre stato molto “aggressivo” nelle aspettative, nel
Opzioni e future 20 Ottobre. Indici azionari che lavorano con le stesse modalità dei giorni passati: nuovi massimi relativi
In un mercato che mi verrebbe da definire “drammatico” per la carenza di qualità e di opportunità, quando mi sembra d
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2019/2020 (range 15017/25483 ) [ uscita rialzista ] prossim
Permettetemi solo una nota, anche se sarà poco gradita da chi invece è un fan sfegatato del genio di Elon Musk proprio ne
Gli indici azionari hanno chiuso in modo eterogeneo, con l'S&P 500 che ha registrato un nuovo massimo relativo mentre gli i