Jobs Act: quali effetti nella ricerca e nelle opportunità di lavoro

Scritto il alle 17:47 da redazione [email protected]

Michael Page, società di ricerca e selezione di personale specializzato nel middle e top management ha realizzato una indagine a livello nazionale su un campione di 705 professionisti tra i 35 anni e i 45 anni, con provenienza da diversi settori e zone geografiche.

Dai risultati emerge che solo il 5,5% di loro sarebbe più incline a cambiare lavoro per effetto del Jobs Act, ben il 44,3% è meno propenso a farlo e oltre il 50% ritiene che la nuova Legge non impatti su questa scelta.

Non determinante l’influenza del Jobs Act per il 75,5% dei candidati nel favorire la ricerca di un nuovo lavoro. Mentre il restante 24,5% che ne riconosce l’utilità, afferma che la riforma lo aiuterà a trovare un lavoro a tempo indeterminato (17,4%).

Di fronte alla domanda su quanto fosse ritenuta interessante una nuova opportunità lavorativa con un aumento economico del 10/20%, in riferimento alla nuova Legge sulle tutele crescenti, si è dichiarato non interessato il 27% dei candidati.

Ma nella fase di negoziazione con il nuovo datore di lavoro quali sono le priorità dei candidati oggi, a fronte dell’attuazione della Riforma? La retribuzione si distingue come l’elemento decisivo: il 53,2% sceglie un aumento dello stipendio superiore del 20% al consueto, come prima opzione da poter contrattare. A seguire, più mesi di indennizzo in caso di licenziamento illegittimo da parte del datore di lavoro (16,2%); il riposizionamento all’interno dell’azienda in caso di licenziamento illegittimo (15%) e il mantenimento delle condizioni del vecchio contratto per un certo periodo (10,8%).

Infine, una nota dolente sull’informazione dei manager riguardo il Jobs Act: dal sondaggio risulta che il 32,3% non conosce il contenuto della nuova Legge sul lavoro in Italia.

Tags:   |
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network
S&P500 Focus Monetario del 2 febbraio. Il precedente focus è possibile rileggerlo qui: https://www.sunnymoney.it/sp500
Il nulla più assoluto, una noia infinita queste riunioni delle banche centrali, tutto scontato, uomini e donne che si ritr
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2022 (range 20183 /28212 ) [ in attesa ] prossimo 2023
Certo, questa volta potrebbe essere diverso, in fondo ci pensa la Fed a comprare tutta la spazzatura ABS immobiliare in cir
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2022 (range 20183 /28212 ) [ in attesa ] prossimo 2023
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2022 (range 20183 /28212 ) [ in attesa ] prossimo 2023
Guest post: Trading Room #467. Il grafico FTSEMIB rompe la resistenza statica e tenta l'attacco a nuovi target, anche se l'ip
Settimana davvero interessante quella che sta per iniziare con gli incontri delle banche centrali, soprattutto dopo gli ult
Analisi Tecnica Il nostrano rompe il massimo e accelera entrando nella fascia 26300-26700 .... La situazione comincia a far
Battleplan cicli dei MAX sul FTSE MIB Future settimana 30 Gennaio - 3 Febbraio 2023 Tracy Inv