Sondaggio Italia: la fiducia dei top manager italiani in netta crescita nel primo trimestre 2015

Scritto il alle 11:38 da redazione [email protected]

La fiducia è tornata finalmente a crescere in Italia nel primo trimestre del 2015, sia grazie alla discesa dei prezzi delle commodity sia grazie alle ultime misure della Banca Centrale Europea con i pacchetti di quantitative easing. Il Global Pulse Confidence Index, l’indagine trimestrale di YPO che misura la fiducia dei CEO nel business e nell’economia, è salito nel nostro Paese nell’ultimo trimestre di ben 5,3 punti raggiungendo quota 61,6, il livello più alto dell’ultimo anno.

L’aspettativa positiva dei nostri manager è evidente in tutti e tre i parametri presi in considerazione dall’analisi di YPO: gli amministratori delegati italiani si a-spettano infatti per i prossimi 12 mesi una crescita in termini di fatturato, di risorse umane e di investimenti.

Questo sentimento è per altro condiviso anche nel resto dell’Unione Europea, dove i top manager si dichiarano fiduciosi sia rispetto ai risultati delle proprie aziende sia rispetto al quadro economico generale: il YPO Global Pulse Confidence Index è infatti scresciuto a livello europeo di 1,3 punti, raggiungendo il punteggio record di 62,5 (il più alto degli ultimi 4 anni).

Per la prima volta dalla creazione dell’indagine, sei anni fa, la fiducia dei manager Europei è più alta dell’indice globale che si attesta nel primo trimestre a 61,5 punti, ed è solo di poco inferiore agli indici delle due regioni più ottimistiche, l’Asia i cui manager hanno indicato un livello di fiducia del 63,6 e gli Stati Uniti che hanno riportato un 63,3.

“Il risultato indica che le positive politiche economiche, il basso costo del petrolio e la continua svalutazione dell’euro finalmente offrono ai manager, così come ai consumatori finali, una spinta consistente dopo un periodo estremamente sfidante”, ha dichiarato Federico Grom, membro di YPO Italia. “Ovviamente i top manager restano cauti e vigilanti sulle previsioni dei prossimi 12 mesi, consapevoli delle numerose minacce, sia locali che esterne, che potrebbero compromettere la crescita economica”.

A livello internazionale nell’ultima indagine il YPO Global Pulse Confidence Index ha perso circa un punto portandosi a 61,5 da 62.5. L’indice a livello internazionale si è mantenuto vicino al livello di picco, ma le prospettive di crescita di tutto il mondo sono state sempre più precarie. Mentre la fiducia cresce in Asia e in Europa, e rimane alta negli Stati Uniti, l’indice per l’America Latina e i Paesi non Europei è crollato a 52,4, il livello più basso dalla nascita dell’indice.

Fatti salienti

I top manager italiani fiduciosi sul clima economico a breve termine: Due terzi degli amministratori delegati italiani ritiene che le condizioni economiche e di business delle loro organizzazioni miglioreranno nei prossimi sei mesi, con un terzo che prevede invece che rimarranno stabili.

Guardando invece ai prossimi 12 mesi i responsabili d’azienda si dimostrano più cauti. Solo il 20% indica che si aspetta una crescita delle risorse umane nell’anno, mentre il 40% indica una previsione di crescita di investimenti di capitali nello stesso periodo.

La fiducia converge in Europa: nel primo trimestre del 2015, dopo un lungo periodo di fragilità, il livello di fiducia a livello europeo ha avuto un andamento uniformemente positivo: la Francia a esempio è salita di 9,1 punti raggiungendo quota 61,2, il livello più alto dal 2011, la Grecia è salita di 8,1 punti a 58,8 e la Germania si è assestata a 60,8 (+2,6 punti) raggiungendo il suo livello più alto dalla fine del 2010. Non si registra una crescita importante solo nel Regno Unito dove però la fiducia degli amministratori delegati è rimasta stabilmente positiva, con un ottimo 68,7 (+0,01).

1 commento Commenta
massimo84
Scritto il 5 Maggio 2015 at 12:02

coi soldi loro possono essere ottimisti quanto vogliono
….

Articoli dal Network
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2019/2020 (range 15017/25483 ) [ uscita rialzista ] prossim
Trading, investimenti, digital finance, crypto, NFT e il mondo dei mercati finanziari. Queste le sei aree tematiche che caratte
Il quadro del CFTC di Chicago migliora leggermente con i "contrarian" small trader che tornano short. Ma un rondine non fa
Eccolo qui, il grafico che toglie ogni dubbio a coloro che ancora oggi vedono o ancora sperano in un momento di gloria dell
Guest post: Trading Room #440. La figura tecnica di doppio minimo descritta la settimana scorsa ha portato un buon rimbalzo t
Ftse Mib. La settimana scorsa il nostro indice di riferimento dopo un avvio incerto e continui cambi di direzione è riuscito a
Mentre il dollaro dopo lo strepitoso volo di questi ultimi 4 mesi continua a restare estremamente forte sotto quota 1,04...
Settimana piuttosto complicata per gli hedger continuamente impegnati a coprire e ricoprire meccanicamente le proprie posizioni
Analisi Tecnica Perdiamo la soglia critica dei 23200 e andiamo velocemente con long black al test dei 22600 (estensione a 22
Ovviamente si tratta di propaganda quando Putin dice che il rublo è la vera valuta rifugio, la moneta più forte. Fatico a