Top 100 società italiane quotate 2014: oltre il 55% degli Amministratori Delegati ha ottenuto compensi superiori a 1 milione di euro

Scritto il alle 07:00 da redazione [email protected]

Il 55% degli Ad delle quotate italiane percepisce compensi di oltre 1 milione di euro, l’87% delle stesse conta almeno una donna nel Cda e solo il 50% dei membri dei board italiani è costituito da soggetti indipendenti, è quanto emerge fra l’altro dall’analisi della società di consulenza Spencer Stuart che ha pubblicato la diciannovesima edizione del Board Index, l’osservatorio sulle caratteristiche e criticità dei Consigli di Amministrazione delle principali Società quotate in Italia.

La ricerca traccia una panoramica sul funzionamento e sull’evoluzione dei Consigli di Amministrazione delle prime 100 società in ordine di capitalizzazione a marzo 2014, incluse le 38 maggiori dell’indice FTSE Mib.

Dall’analisi emergono temi di importanza strategica: dalle problematiche che le banche italiane stanno affrontando nell’applicazione della nuova legislazione europea, alle crescente attenzione che le società quotate stanno ponendo alla composizione dei Consigli di Amministrazione, in termini di esperienze e professionalità degli amministratori, fino al tema centrale sui compensi e sistemi di incentivazione dei vertici, da cui emerge che il 35% dei presidenti percepisce oltre 1 milione di euro mentre il 55% degli amministratori delegati delle quotate italiane ha compensi superiori al milione di euro.

Anche il tema sempre controverso della “diversity” è centrale nell’indagine svolta, da cui emerge che la percentuale di donne nei Consigli, pari al 17,3%, è in crescita per effetto della normativa sulle quote di genere, con una preponderanza di profili di professioniste (Commercialisti, Revisori, Avvocati) e che l’87% delle aziende italiane ha almeno una donna fra i membri del board.

Il processo di successione del capo azienda e gli anni di permanenza dei membri nei Cda sono evidenziati, inoltre, come argomento prioritario per il crescente interesse degli investitori nella continuità dell’azione manageriale. L’aumento del numero delle donne in Consiglio si riflette nell’aumento del turnover (17%) di nuovi membri entrati nei board nel 2014.

Altro tema segnalato da Spencer Stuart è il crescente peso dell’autovalutazione di come opera il Cda, la cosiddetta Board Review, che il 94% delle società italiane ha già introdotto con una crescente profondità di analisi e che è ormai diventato un appuntamento annuale importante per i Consigli che vogliono migliorare la propria performance.

L’analisi di Spencer Stuart definisce, infine, le principali criticità che presentano i Consigli presi in esame, come la necessità di definire in maniera univoca il requisito di indipendenza degli Amministratori, oltre a quello della necessità di un più incisivo coinvolgimento dei Consigli nella analisi e nell’approfondimento delle strategie aziendali.

Nessun commento Commenta

Articoli dal Network
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2019/2020 (range 15017/25483 ) [ uscita rialzista ] prossim
Trading, investimenti, digital finance, crypto, NFT e il mondo dei mercati finanziari. Queste le sei aree tematiche che caratte
Il quadro del CFTC di Chicago migliora leggermente con i "contrarian" small trader che tornano short. Ma un rondine non fa
Eccolo qui, il grafico che toglie ogni dubbio a coloro che ancora oggi vedono o ancora sperano in un momento di gloria dell
Guest post: Trading Room #440. La figura tecnica di doppio minimo descritta la settimana scorsa ha portato un buon rimbalzo t
Ftse Mib. La settimana scorsa il nostro indice di riferimento dopo un avvio incerto e continui cambi di direzione è riuscito a
Mentre il dollaro dopo lo strepitoso volo di questi ultimi 4 mesi continua a restare estremamente forte sotto quota 1,04...
Settimana piuttosto complicata per gli hedger continuamente impegnati a coprire e ricoprire meccanicamente le proprie posizioni
Analisi Tecnica Perdiamo la soglia critica dei 23200 e andiamo velocemente con long black al test dei 22600 (estensione a 22
Ovviamente si tratta di propaganda quando Putin dice che il rublo è la vera valuta rifugio, la moneta più forte. Fatico a