Ristrutturazione del settore ferroviario: grandi opportunità per il mercato globale

Il mercato ferroviario globale offrirà molteplici opportunità, come conseguenza della ristrutturazione e della priorità dei progetti ferroviari che guideranno le vendite e gli investimenti privati nel settore. Pertanto, il mercato globale si manterrà su un percorso di crescita stabile per quanto riguarda il traffico merci ferroviario e il volume di passeggeri, sebbene alcune regioni come l’Africa e l’Europa dell’Est dispongano tuttora di servizi ferroviari limitati.

Una nuova analisi di Frost & Sullivan, intitolata “Executive Analysis of the Global Rail Industry 2014”, rileva:

• Aumento del traffico passeggeri: da 3.196,28 miliardi di passeggeri per chilometro (pkm) nel 2013 a 4.739,18 miliardi di pkm nel 2020

• Aumento del traffico merci: da 10.168,37 miliardi di tonnellate per chilometro (tkm) nel 2013 a 12.332,84 miliardi di tkm nel 2020

Lo studio riguarda i segmenti relativi a materiale rotabile e infrastruttura

“Per quanto concerne la rete ferroviaria ad alta velocità (AV), la regione Asia-Pacifico e l’Europa sono i più grandi mercati al mondo, in cui si concentra oltre l’81,60% degli investimenti globali in questo segmento, – afferma Shyam Raman, analista di Frost & Sullivan. – Grazie agli ordini effettuati da Deutsche Bahn per 300 veicoli ferroviari ad alta velocità da destinarsi ai suoi servizi Intercity-Express, si prevede che la Germania diventerà uno dei tre mercati più importanti entro il 2020. Questi investimenti nell’alta velocità avranno un effetto a cascata sugli investimenti in altri segmenti del settore ferroviario globale”.

Tuttavia, i finanziamenti insufficienti, i bassi volumi di vendita in alcuni paesi e l’instabilità politica limitano la crescita complessiva del settore ferroviario a livello globale. Poiché i costi fissi contribuiscono almeno al 70% del costo totale di materiale rotabile ferroviario e infrastruttura, gli operatori del mercato possono sostenere questi costi soltanto nei paesi dove le vendite sono consistenti e dove sono possibili forti economie di scala.

Pertanto, non sorprende che gli stati di tutto il mondo contribuiscano economicamente alla costruzione della rete ferroviaria entro i propri confini. Più precisamente, gli stati tendono a monopolizzare il settore ferroviario, essendo allo stesso tempo sia proprietari della rete sia gestori del servizio. Ciò porta spesso a un comportamento negligente verso i clienti e al deterioramento dell’infrastruttura, come pure alla creazione di barriere verso potenziali nuovi operatori di mercato.

“Riconoscendo che l’eliminazione dei monopoli di stato è necessaria per fare un uso adeguato dei fondi e finanziamenti in ambito ferroviario, è in corso una rapida ristrutturazione a livello globale per dare slancio alla competitività del settore, – osserva Raman. – Le priorità della ristrutturazione includono la separazione tra stato, regolatori e gestori del servizio, come pure la definizione di ruoli chiari per policy maker, regolatori, proprietari dell’infrastruttura e gestori del servizio. Alla lunga, la separazione verticale dei mercati ferroviari diventerà lo standard a livello globale”.

Nessun commento Commenta

Articoli dal Network
Battleplan cicli dei MAX sul FTSE MIB Future settimana 24 - 28 Gennaio 2022 Tracy Inverso [Se
Battleplan cicli dei MIN sul FTSE MIB Future settimana 24 - 28 Gennaio 2022 Tracy [Settimanal
GRAFICI VELOCITA' CICLICHE dal T-2 (2 giorni) al T+6 (2 anni) settimana 24 - 28 Gennaio 2022
Sono stati due anni incredibili, dove qualcuno ha anche criticato duramente certe strategie di investimento che apparivano
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2019/2020 (range 15017/25483 ) [ uscita rialzista ] prossim
Analisi Tecnica Cede il supporto dei 27200 dovuto alla compressione ribassista e va, con upper marubozu, al test del supporto
Il video è la naturale continuazione di quanto abbiamo pubblicato la settimana scorsa. Non vi anticipo nulla ma ci sono degl
La tensione inizia a farsi sentire e la volatilità prende piede. Il risparmiatore non è più abituato alle oscillazioni d
Ftse Mib. Con la brutta partenza di oggi, l’indice si trova al test dei 27.200 punti, il cui break con volumi e volatilità
IL CHARM Oggi facciamo un approfondimento tornando alle greche. Sappiamo che sono valori che ci aiutano a mettere in relazio