Start up e Made in Italy: nasce in Italia la prima carta al mondo al..latte

Susanna Bonati, creativa-a-tutto-tondo da poco insignita a Londra del primo premio “Migliore shopping bag dell’anno” durante i Luxury Packaging Awards 2014, ha portato l’Italia ai vertici dell’innovazione mondiale. La creativa ha infatti inventato la prima carta al mondo al latte: PAPERMILK! La produzione della rivoluzionaria carta è avvenuta grazie al sostegno all’idea fornito dal Gruppo Cordenons, fiore all’occhiello delle cartiere italiane con sedi e rappresentanze in tutto il mondo.

“Essere creativa è una maledetta benedizione con cui sono nata mio malgrado, e da creativa avere ideato PAPERMILK è una gioia completamente inenarrabile che oggi posso fare scoppiare. Grazie a Gruppo Cordenons tutto che ha creduto in un’intuizione dentro a una bolla di emozione. Sì, nel mondo, da oggi, ci sarà una carta in più: la MIA!”, esordisce presentando la sua ultima invenzione Susanna Bonati.

PAPERMILK  stata lanciata in anteprima assoluta nel corso della manifestazione internazionale Luxe Pack, fiera di riferimento per il packaging di lusso che si tiene a Montecarlo. Carta che peraltro sembra anticipatrice delle tematiche del prossimo EXPO 2015.

Cos’è PAPERMILK?

È una carta con cui i creativi di tutto il mondo potranno sbizzarrirsi a dare vita a prodotti per la comunicazione ad alto contenuto aggiunto. Le fibre di latte contenute nella carta, infatti, conferiscono al nuovo supporto non solo un tatto e una morbidezza unici (essendo inclusa anche una percentuale di cotone nella ricetta industriale) ma un immediato rimando alla primordiale necessità vitale del latte materno che, come nessun’altra cosa, ci ha “protetti” e nutriti. PAPERMILK è prodotta con fibre di latte, linters di cotone e fibre di pura cellulosa vergine proveniente da fonti gestite in maniera responsabile.

Da dove nasce l’idea?

L’idea nasce nella testa di Susanna un anno e mezzo fa, dopo avere approfondito la sua conoscenza sui tessuti a base latte, che nella moda si stanno ricavando uno spazio importante e significativo anche da un punto di vista “cosmetico”, considerato che gli abiti prodotti con tessuti a base fibre di latte consento un rilascio sulla pelle di sostanze lenitive e ammorbidenti.

La carta simbolo di un trend che Expo 2015 sta già segnando…

In assoluta tendenza con l’evento mondiale Expo 2015 ormai alle porte che come stesso claim ha voluto avere “nutrire il pianeta, energie per la vita”, PAPERMILK sembra essere il “nutriente” naturale, il supporto perfetto attraverso il quale veicolare una nutrizione giusta, pulita, responsabile, ricca di benefici. “Personalmente non ho parole per esprimere la mia gioia nell’avere preso parte alla nascita di PAPERMILK dopo averla concepita nella mia testa”, dice Susanna Bonati, evidenziando come ““PAPERMILK nasce per diventare simbolo del ritorno al primario, all’essenziale, alla cura, alla protezione. Il latte è l’alimento primario che ci accomuna, è fondamentale, come insostituibile è la carta per la comunicazione. L’unione dei due elementi crea per la prima volta un supporto che si prende naturalmente cura di ciò che contiene e di chi lo sfiora”.

Nessun commento Commenta

Articoli dal Network
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2019/2020 (range 15017/25483 ) [ uscita rialzista ] prossim
Trading, investimenti, digital finance, crypto, NFT e il mondo dei mercati finanziari. Queste le sei aree tematiche che caratte
Il quadro del CFTC di Chicago migliora leggermente con i "contrarian" small trader che tornano short. Ma un rondine non fa
Eccolo qui, il grafico che toglie ogni dubbio a coloro che ancora oggi vedono o ancora sperano in un momento di gloria dell
Guest post: Trading Room #440. La figura tecnica di doppio minimo descritta la settimana scorsa ha portato un buon rimbalzo t
Ftse Mib. La settimana scorsa il nostro indice di riferimento dopo un avvio incerto e continui cambi di direzione è riuscito a
Mentre il dollaro dopo lo strepitoso volo di questi ultimi 4 mesi continua a restare estremamente forte sotto quota 1,04...
Settimana piuttosto complicata per gli hedger continuamente impegnati a coprire e ricoprire meccanicamente le proprie posizioni
Analisi Tecnica Perdiamo la soglia critica dei 23200 e andiamo velocemente con long black al test dei 22600 (estensione a 22
Ovviamente si tratta di propaganda quando Putin dice che il rublo è la vera valuta rifugio, la moneta più forte. Fatico a