Stacco dei dividendi, occasione per seguire il detto “sell in may & go away” o opportunità per nuovi long sull’azionario?

Scritto il alle 20:08 da redazione [email protected]

Dopo anni di delusioni, i primi mesi del 2014 sembrano aver segnato un punto di svolta rispetto all’interesse degli investitori internazionali per il mercato azionario italiano. L’ennesima dimostrazione è giunta con l’ultima riunione della Banca centrale europea: Piazza Affari è stata la protagonista principale dei rialzi maturati dai principali indici azionari del Vecchio Continente. Mentre il FTSE Mib chiudeva con un progresso del 2,3%, il Dax veleggiava con un più modesto +0,9%.

Indubbiamente la sottoperformance dell’indice italiano in questi anni è un fattore che incide in tal senso, vi è da recuperare il terreno perduto rispetto ad altre Borse e da riallineare contestualmente le valutazioni. In questo scenario va tuttavia capito il timing migliore per valutare l’ingresso, per chi già non lo avesse fatto, sul mercato azionario. La vicinanza con i massimi dell’anno potrebbe infatti regalare sorprese negative ai longhisti dell’ultima ora.

Nelle prossime settimane entra nel vivo la stagione dei dividendi. Proprio questo classico appuntamento potrebbe rappresentare un’opportunità di ingresso a prezzi e a valori più contenuti. Al tempo stesso potrebbe però rappresentare l’inizio di quella fase di naturale correzione che la storia ha insegnato caratterizzare il periodo tra maggio e settembre. Non per niente il mercato ha coniato il detto: sell in may & go away. Le imminenti elezioni europee di fine maggio sono peraltro un ulteriore elemento che potrebbe favorire una correzione degli indici azionari del Vecchio Continente nel breve termine.

Per capire i possibili scenari che si potrebbero sviluppare sul mercato nei prossimi mesi, Unicredit ha messo al centro del Webinar Trading & Investimenti del prossimo 14 maggio queste tematiche. L’iniziativa, dedicata all’investimento in Borsa a breve e medio termine, fa parte di onemarkets, proposta di UniCredit che promuove un approccio consapevole agli investimenti.

Il broker italiano approfondisce ogni mese i temi di maggior attualità, analizzandoli con esperti di mercato, analisti e trader professionisti L’appuntamento del webinar del prossimo 14 maggio, dalle 14:30 alle 15:30, vedrà protagonisti Riccardo Designori, analista finanziario di Brown Editore, Arduino Schenato, trader di indipendente su indici e titoli azionari, Gabriele Villa, responsabile sviluppo internazionale di Directa Sim e Christophe F. Grosset, specialista Certificates di UniCredit .

La partecipazione è gratuita e per poter vedere l’evento basterà iscriversi al seguente link:

https://attendee.gotowebinar.com/register/890391471486504962?source=BorseIt

GD Star Rating
loading...
GD Star Rating
loading...
Stacco dei dividendi, occasione per seguire il detto “sell in may & go away” o opportunità per nuovi long sull’azionario?, 9.5 out of 10 based on 2 ratings
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network
Guest post: considerazioni di BlackRock su dove si trova il vero valore negli investimenti Oggi vi vorrei parlare di un arti
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ uscita rialzista ] prossimo
Riprendiamo l’articolo di qualche ora fa, integrandolo con un’analisi di breve termine. Le logiche che ho descritto so
Ftse Mib: dopo aver infranto in gap up la resistenza di medio termine importante in area 21.500 punti, è da qualche seduta ch
Il paradosso di lunedi, come abbiamo visto è che c'è ancora chi studia chi sta comprando spasmodicamente in Europa e nel
Incassata anche la fiducia del Senato con 169 voti, addirittura otto in più del necessario, il governo “ha pieni poteri” e
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ uscita rialzista ] prossimo
Prendete i primi 8 mesi del 2019, con tutte le sue stranezze e le sue apparenti incongruenze e mettetelo a confronto con lo
Prendete i primi 8 mesi del 2019, con tutte le sue stranezze e le sue apparenti incongruenze e mettetelo a confronto con lo
Ftse Mib: l'indice italiano vede oggi in apertura qualche presa di beneficio più che comprensibile visto il livello raggiunto