Osservatorio AIM Italia: i PIR grande opportunità di crescita per le PMI italiane

Scritto il alle 16:34 da redazione [email protected]

borsa italiana, aim italia, ir top,
Ieri a Piazza Affari è stata presentata l’ultima versione dell’Osservatorio AIM Italia elaborato da IR Top Consulting. Diverse indicazioni sono emerse dallo studio della società guidata dall’Amministratore Delegato Anna Lambiase, dall’impatto dei PIR sulle PMI italiane alla presenza degli investitori istituzionali nell’azionariato delle società quitate sull’AIM fino al trend di crescita delle aziende che quotandosi in Borsa hanno deciso di allargare il proprio azionariato.

Per quanto riguarda l’impatto dei PIR, il mercato AIM Italia rappresenta quasi il 40% dell’universo Small Cap su cui questo tipo di strumento può investire. Nell’attuale scenario dei tassi di interesse, IR Top ipotizza che nei prossimi 5 anni possano confluire circa 3,3 miliardi di euro nel capitale di rischio delle società dell’AIM Italia.

Sul fronte degli investitori istituzionali che investono sul mercato AIM Italia troviamo al primo posto Banca Mediolanum, con investimenti pari a 45,8 milioni di euro nel capitale di 29 società quotate. Al secondo posto EFG International AG, con 40 milioni in 20 società, e al terzo Julius Bar Gruppe, con 20,9 milioni di euro impegnati nel capitale di 17 società. Gli investitori istituzionali presenti nell’azionariato delle società Aim Italia sono 60, di cui 23 italiani e 37 esteri.

Parlando specificatamente di PIR e delle principali istituzioni finanziarie che hanno creato o prevedono di lanciare fondi PIR compliant, tra investitori istituzionali che hanno già deciso di puntare sull’AIM Italia o che lo faranno a breve troviamo: Acomea, Amundi, Anima, Anthilia, Arca, Azimut, Banca Finnat, Banca Generali, BNP Paribas, Credem, Ersel, Eurizon, FIA Asset Management (Gruppo FARAD), Fideuram, Fidelity, Kairos, Mediobanca- Duemme SGR, Mediolanum Gestione Fondi, Schroders, Sella Gestioni, Symphonia, UBI Pramerica e Zenit.

Per quanto riguarda l’andamento delle 83 società quotate sull’AIM Italia, con una capitalizzazione di mercato complessiva superiore ai 4 miliardi di eurom e un giro d’affari a fine 2016 di 3,5 miliardi di euro, la crescita dei ricavi ha interessato il 68% delle società, con tassi di crescita superiori al 50% nel 18% dei casi. 23 società dell’AIM hanno distribuito dividendi nel 2017, con un dividend yield medio pari al 2,5%.

Guarda l’intervista a Anna Lambiase, Amministratore Delegato IR Top
Immagine anteprima YouTube

GD Star Rating
loading...
GD Star Rating
loading...
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016 (range 15017/21194 ) ) [ uscita rialzista ] prossimo
Articolo in collaborazione con eToro Dall'introduzione del Bitcoin a oggi, l’industria blockchain sta crescendo a una velo
Su fatto che ci sia stata una correlazione diretta molto forte tra il trend delle borse ed i bilanci delle banche centrali,
https://youtu.be/fC_0hLUlQk4 Piazza Affari mostra segnali di cedimento anche stamane. Sempre più cupo il quadro tecnico del
Nulla di nuovo per chi legge Icebergfinanza da tempo ma come sempre è meglio ricordare alcuni particolari di quella che se
Quando si parla di consulenza finanziaria si scatena sempre un vespaio. Sta diventando sempre più “una moda” quella ch
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016 (range 15017/21194 ) ) [ uscita rialzista ] prossimo
Probabilmente questo articolo vi sarà sfuggito in quanto non ci regala nulla di interessante a livello operativo. Ma solo
https://youtu.be/NML_0nf8tTk Quadro tecnico del mercato italiano in deterioramento. L'indice FTSE Mib questa mattina puntella
In molti mi hanno chiesto via email se credo nel Bitcoin e nelle criptovalute. Beh, diventa veramente difficile rispondere