Cerca nel Blog

Obbligazioni in valuta: la Banca Mondiale lancia due nuovi bond per lo Sviluppo Sostenibile in dollari australiani e neozelandesi

borsa italiana, certificati di investimento, certificate, cash collect, banca imi

La Banca Mondiale è lieta di annunciare l’emissione di due nuove Obbligazioni per lo Sviluppo Sostenibile della durata di dieci anni, denominate rispettivamente in Dollari Australiani e Dollari Neozelandesi. Queste obbligazioni in valuta rappresentano un’opportunità per gli investitori di coniugare i loro obiettivi finanziari con quelli di sostenibilità sociale e ambientale.

Le Obbligazioni per lo Sviluppo Sostenibile in Dollari Australiani corrispondono ogni trimestre una cedola pari al tasso annuale del 3,00%. Le Obbligazioni per lo Sviluppo Sostenibile in Dollari Neozelandesi corrispondono ogni trimestre una cedola fissa pari al tasso annuale del 3,60%. Entrambi i nuovi bond in valuta promossi dalla Banca Mondiale scadono a Febbraio 2027.

Le Obbligazioni sono quotate sul mercato MOT di Borsa Italiana, quelle in Dollari Australiani dal 6 Febbraio 2017, quelle in Dollari Neozelandesi da oggi. Ad assicurare la liquidabilità degli investimenti BNP Paribas, con la banca francese che agirà in qualità di market maker. Per questa emissione l’istituto di credito transalpino ha agito anche da Dealer e Liquidity Provider. La soglia minima di investimento è pari rispettivamente a 2.000 Dollari Australiani e 2.000 Dollari Neozelandesi.

La Banca Mondiale raccoglie fondi sul mercato internazionale dei capitali per supportare progetti di sviluppo sostenibile nei paesi membri beneficiari. Questi progetti sono volti a ridurre la povertà e a stimolare una crescita equa e condivisa in numerosi settori, tra cui istruzione, sanità, agricoltura, sicurezza alimentare e infrastrutture essenziali. Le Obbligazioni per uno Sviluppo Sostenibile offrono agli investitori l’opportunità di supportare i paesi membri nel raggiungimento dei loro obiettivi di sviluppo.

“La World Bank conferma la scelta strategica di collocamento tramite il canale distributivo diretto messo a disposizione da Borsa Italiana per le proprie nuove obbligazioni denominate in Dollari Australiani e Dollari Neozelandesi. Le due nuove obbligazioni si ispirano ai principi di sostenibilità di investimento, sempre più apprezzati anche dagli investitori italiani, ampliando ulteriormente l’offerta del mercato MOT”, ha commentato la nuova emissione di Obbligazioni per lo Sviluppo Pietro Poletto, Responsabile Mercati obbligazionari di LSE Group.

Riepilogo delle condizioni:

banca mondiale, bond, obbligazioni in valuta, dollari, australiani, neozelandesi, sviluppo sostenibile, 2017

GD Star Rating
loading...
GD Star Rating
loading...
Obbligazioni in valuta: la Banca Mondiale lancia due nuovi bond per lo Sviluppo Sostenibile in dollari australiani e neozelandesi, 7.7 out of 10 based on 3 ratings
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016 (range 15017/21194 ) ) [ uscita rialzista ] prossimo
In un Paese di belle addormentate sotto l'ombrellone non poteva mancare la bella addormentata per eccellenza, si proprio lei,
Quadro tecnico opaco per il mercato italiano quest'oggi, con l'indice FTSE Mib impegnato in un disimpegno finalizzato al test d
Anche se mi trovo in una situazione un po’ complicata, non posso esimermi dal lasciare un rapido commento sul salvataggio
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016 (range 15017/21194 ) ) [ uscita rialzista ] prossimo
Non sarà anche il toro di una volta, ma resta pur sempre un mercato che ha le basi per continuare la sua tendenza rialzista,
Settimana importante per Piazza Affari, all'indomani dell'approvazione dello schema definitivo per il salvataggio delle due ban
Guest post: Trading Room #253. L'indice FTSEMIB si trova inchiodato in un trading range stretto e quindi meglio aspettare una
Solo alcuni flash, nulla di più, in fondo questo è quello che si merita un popolo di belle addormentate, oltre 17 miliardi
I tentativi di far aderire i lavoratori alla previdenza complementare sono parecchi, uno degli ostacoli che frena, ma non più