Start up: adesso l’auto si acquista su Facebook

auto, start up, startup, noleggio auto, hurry, noleggio lungo termine, social economy

Dalla sharing economy alla “social economy”: la vendita di auto e servizi sbarca infatti su Facebook. Hurry!, innovativa start up 100% italiana della mobilità online, ha infatti esteso la sua presenza sulla famosa piattaforma social con una vetrina interattiva dove è possibile acquistare prodotti e servizi automotive.

Con pochi click su Messanger, gli internauti, guidati in chat da un assistente virtuale, possono scegliere la soluzione più adatta e conveniente alle proprie esigenze, dalle opzioni pay per use al noleggio, dall’acquisto dell’usato alle varie a offerte shopping presenti sul sito.

Per Hurry!, società diventata il primo portale di e-commerce dedicato al mondo della mobilità, questa novità non è l’unico motivo di orgoglio per questo 2016: a due anni dalla partenza, la star up si avvia a chiudere l’anno con un volume d’affari che ha raggiunto quota 42 milioni di euro, in aumento del 135% sul 2015.

Performance interessanti sono state registrate anche sugli altri segmenti: +340% per le offerte più innovative come Ricaricar, il servizio dedicato alle auto che “ricaricano” i chilometri come con la sim di un telefonino.

Otto milioni sono invece state le persone che hanno visitato il sito web a caccia di nuove offerte. Quelli di Hurry! sono numeri che confermano la tendenza sempre più marcata di un nuovo modo di vivere l’automobile, dove l’utilizzo, flessibile e senza pensieri del veicolo, sostituisce la proprietà del mezzo, diventata in questi anni sempre più onerosa e poco conveniente. Sul portale della start up i clienti possono trovare un veicolo nuovo a partire da 4 euro al giorno. Una proposta che piace al pubblico.

E’ un mondo di giovani, per lo più laureati, ma anche di manager di mezza età e donne, l’identikit del consumatore utente tracciato dai numeri della start up. Un pubblico che sceglie online e scarta l’acquisto tradizionale per dirigersi sulle nuove forme di mobilità, e tra queste, in particolare, il noleggio a lungo termine o il pay per use dove i chilometri si ricaricano (e si pagano) a seconda delle proprie effettive esigenze.

Il fattore vincente è la formula “tutto compreso”: il cliente infatti deve pensare solo alla benzina perché bollo, manutenzione ordinaria e straordinaria, assicurazione RCA con copertura in caso di infortunio al conducente ed esonero da responsabilità per incendio, furto e danni al veicolo sono a carico della società, che offre anche la possibilità del ritiro dell’usato.

E che la formula abbia cambiato le abitudini degli acquirenti, lo dimostrano anche gli altri numeri del “boom” 2016: +180% per i contratti di noleggio a lungo termine, +96% per gli utenti registrati sulla piattaforma mentre le interazioni sui social segnano un +172% in un anno, +37% per le vendite online di veicoli usati.

La startup italiana opera in virtù di una partnership strategica esclusiva con ALD Automotive Italia, leader mondiale del noleggio a lungo termine e della mobilità che è garanzia della qualità dei prodotti e dei servizi offerti. La società ha sedi a Roma e Milano, mentre le piattaforme logistiche sono ad Aprilia, Roma (2), Milano (2), Crema, Brescia, Salerno e Agrigento.

GD Star Rating
loading...
GD Star Rating
loading...
Tags: , ,   |
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network
DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tecnica espressi all’interno
DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tecnica espressi all’interno
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) ) [ uscita rialzista ] pros
I futures sul VIX stanno diventando sempre più scambiati con oscillazioni sempre più vivaci. E lo spread tra i contratti a
Avevamo lasciato l'indice Biotech in zona 100$, e ovviamente era alta la preoccupazione. Eravamo abbastanza tranquilli p
Il COT Report non èe certo rivoluzionario in questa settima. Sembra chiaro che le "mani forti" siano ancora più prudenti. E
Ftse Mib: l'indice italiano venerdì ha chiuso con un pattern grafico che potenzialmente può portare inversione. Si tratta del
Guest post: Trading Room #286. Dopo la settimana delle banche centrali, ora il mercato si trova nella necessità di prendere
Non mi stancherò mai di ripeterlo, ma è molto probabile che il tallone di Achille dell'Europa, sia la Germania, la nuova
Dall’ultimo rapporto della Covip risulta che alla fine del 2017 il totale degli iscritti alla previdenza complementare era di