BEM Research: Intesa Sanpaolo si conferma al primo posto della classifica BEM Rank

Scritto il alle 15:00 da redazione [email protected]

Intesa Sanpaolo ha mantenuto la prima posizione tra i brand online nel settore bancario secondo i dati elaborati da BEM Research e relativi al mese di maggio 2016. Ha confermato il secondo posto anche Unicredit, mentre ha scalato diverse posizioni, attestandosi al terzo posto, Banco Popolare, che ha tratto giovamento anche dalle notizie sulla sua fusione con BPM.

In miglioramento Banco di Napoli, banca del gruppo Intesa Sanpaolo, che dalla sesta posizione di aprile è salita al quarto posto della graduatoria. A chiudere la classifica dei cinque migliori brand bancari Monte dei Paschi di Siena.

Rispetto al mese precedente, sono uscite dalla classifica Banca dell’Adriatico, altra banca appartenente al gruppo Intesa Sanpaolo, Banca Mediolanum e Cariparma.

Nel complesso la performance online dell’intero settore bancario, calcolato su 24 diversi istituti di credito, ha mostrato un miglioramento del 2,6% rispetto ad aprile, mentre le ricerche su Google sono in flessione dell’8% rispetto ad un anno fa.

“Le banche europee e, in particolare, quelle italiane sono state al centro di forti vendite sui mercati azionari”, ha evidenziato Carlo Milani, direttore di BEM Research, ricordando come “da inizio anno l’indice bancario europeo ha perso 20 punti percentuali, quello italiano quasi il doppio”.

Gli istituti di credito italiani si trovano in una difficile situazione, strette, come tutte le banche europee, dalla bassa redditività degli attivi, stante la politica monetaria della BCE ultra espansiva. “A ciò vanno aggiunte alcune specificità dell’industria italiana, come il peso eccessivo delle sofferenze bancarie e la dotazione di capitale in alcuni casi non troppo elevata, che nel caso di Unicredit ha spinto tra l’altro ha un ricambio nella gestione”, ha proseguito il manager.

Alla vigilia delle Relazione Annuale della Banca d’Italia per il 2015 i mercati ascolteranno dunque “con molta attenzione le parole del Governatore Ignazio Visco, soprattutto per valutare se ci sarà un’accelerazione nei processi di fusione e di pulizia dei bilanci bancari”.

Banche: la classifica dei migliori brand online degli istituti di credito italiani

Metodologia
La classifica dei migliori brand online, prodotta da BEM Research, è costruita sulla base di un indice, il BEM Rank, che considera cinque diversi parametri: 1) i brand maggiormente cercati su Google; 2) la visibilità dei siti web su parole chiavi ad alto traffico relative al settore di riferimento; 3) la velocità di caricamento delle pagine web; 4) l’usabilità dei siti web; 5) il grado di competizione online nel settore in cui l’azienda opera.

GD Star Rating
loading...
GD Star Rating
loading...
Tags: , ,   |
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network
Sembra ormai ad un passo un primo accordo tra USA e Cina, un primo passaggio che poi necessiterà di altre conferme. Ma il me
Daimler e BMW hanno unito le forze per creare la nuova Powerhouse europea della mobilità all'interno di un nuovo family brand.
Il nuovo sistema multifunzione a colori A4 TASKalfa 351ci permette, a costi di gestione contenuti, una riduzione del consumo en
Dall'analisi evoluta dell'osteoporosi, alla formazione digitale per le donne fino all'utilizzo dei big data e dell'intellig
Avvio tranquillo per il Ftse Mib che si muove attorno a 20.250 punti in marginale rialzo rispetto alla chiusura precedente. La
In un mondo normale un analista o ricercatore che da mesi mette in guardia sulle reali condizioni dell'economia globale, ve
Ivonne Forno, CEO di Laborfonds, il fondo pensione complementare territoriale del Trentino-Alto Adige , in una lunga intervista
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ uscita rialzista ] prossimo
Guidare una moto fruendo del Cloud, Internet of Things e Intelligenza Artificiale. Da qui IBM e Harley Davidson Motor Company a
Ftse Mib: l'indice italiano rimane ancorato alla resistenza statica dei 20.236 punti. Poco sopra passa anche la media mobile 20