Sondaggio Italia: la fiducia dei top manager italiani in netta crescita nel primo trimestre 2015

Scritto il alle 11:38 da redazione [email protected]

La fiducia è tornata finalmente a crescere in Italia nel primo trimestre del 2015, sia grazie alla discesa dei prezzi delle commodity sia grazie alle ultime misure della Banca Centrale Europea con i pacchetti di quantitative easing. Il Global Pulse Confidence Index, l’indagine trimestrale di YPO che misura la fiducia dei CEO nel business e nell’economia, è salito nel nostro Paese nell’ultimo trimestre di ben 5,3 punti raggiungendo quota 61,6, il livello più alto dell’ultimo anno.

L’aspettativa positiva dei nostri manager è evidente in tutti e tre i parametri presi in considerazione dall’analisi di YPO: gli amministratori delegati italiani si a-spettano infatti per i prossimi 12 mesi una crescita in termini di fatturato, di risorse umane e di investimenti.

Questo sentimento è per altro condiviso anche nel resto dell’Unione Europea, dove i top manager si dichiarano fiduciosi sia rispetto ai risultati delle proprie aziende sia rispetto al quadro economico generale: il YPO Global Pulse Confidence Index è infatti scresciuto a livello europeo di 1,3 punti, raggiungendo il punteggio record di 62,5 (il più alto degli ultimi 4 anni).

Per la prima volta dalla creazione dell’indagine, sei anni fa, la fiducia dei manager Europei è più alta dell’indice globale che si attesta nel primo trimestre a 61,5 punti, ed è solo di poco inferiore agli indici delle due regioni più ottimistiche, l’Asia i cui manager hanno indicato un livello di fiducia del 63,6 e gli Stati Uniti che hanno riportato un 63,3.

“Il risultato indica che le positive politiche economiche, il basso costo del petrolio e la continua svalutazione dell’euro finalmente offrono ai manager, così come ai consumatori finali, una spinta consistente dopo un periodo estremamente sfidante”, ha dichiarato Federico Grom, membro di YPO Italia. “Ovviamente i top manager restano cauti e vigilanti sulle previsioni dei prossimi 12 mesi, consapevoli delle numerose minacce, sia locali che esterne, che potrebbero compromettere la crescita economica”.

A livello internazionale nell’ultima indagine il YPO Global Pulse Confidence Index ha perso circa un punto portandosi a 61,5 da 62.5. L’indice a livello internazionale si è mantenuto vicino al livello di picco, ma le prospettive di crescita di tutto il mondo sono state sempre più precarie. Mentre la fiducia cresce in Asia e in Europa, e rimane alta negli Stati Uniti, l’indice per l’America Latina e i Paesi non Europei è crollato a 52,4, il livello più basso dalla nascita dell’indice.

Fatti salienti

I top manager italiani fiduciosi sul clima economico a breve termine: Due terzi degli amministratori delegati italiani ritiene che le condizioni economiche e di business delle loro organizzazioni miglioreranno nei prossimi sei mesi, con un terzo che prevede invece che rimarranno stabili.

Guardando invece ai prossimi 12 mesi i responsabili d’azienda si dimostrano più cauti. Solo il 20% indica che si aspetta una crescita delle risorse umane nell’anno, mentre il 40% indica una previsione di crescita di investimenti di capitali nello stesso periodo.

La fiducia converge in Europa: nel primo trimestre del 2015, dopo un lungo periodo di fragilità, il livello di fiducia a livello europeo ha avuto un andamento uniformemente positivo: la Francia a esempio è salita di 9,1 punti raggiungendo quota 61,2, il livello più alto dal 2011, la Grecia è salita di 8,1 punti a 58,8 e la Germania si è assestata a 60,8 (+2,6 punti) raggiungendo il suo livello più alto dalla fine del 2010. Non si registra una crescita importante solo nel Regno Unito dove però la fiducia degli amministratori delegati è rimasta stabilmente positiva, con un ottimo 68,7 (+0,01).

GD Star Rating
loading...
GD Star Rating
loading...
1 commento Commenta
massimo84
Scritto il 5 maggio 2015 at 12:02

coi soldi loro possono essere ottimisti quanto vogliono
….

GD Star Rating
loading...
GD Star Rating
loading...

Articoli dal Network
Fino a qualche anno fa, il petrolio era un vero “faro” per l’analisi intermarket (ulteriore segno di come i tempi sia
Chi mi conosce sa che provengo dal mondo cooperativo, da oltre 33 anni il mio cammino professionale è stata all'interno de
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) ) [ uscita rialzista ] pros
Il 90% dei trader perde soldi Io come tutti i trader che oggi guadagnano costantemente nel primo periodo le cose non erano r
Dopo i brividi ribassisti di ieri, il Ftse Mib oggi ritrova la strada rialzista e soprattutto risale nelle prime battute sopra
Come sempre all'improvviso qualcuno si accorge che le dinamiche economiche, quelle finanziarie sono le più semplici, loro
E’ il tasso inflazione previsto dal FMI per il paese del Venezuela. Occhio al rischio contagio. 1.000.000 % Un tasso che
Le trimestrali in uscita in questi giorni sono migliori delle attese. Malgrado questo non si vede nel COT report una particol
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) ) [ uscita rialzista ] pros
Analisi tecnica: grafico FCA e prospettive di breve-medio periodo. Era abbastanza prevedibile. Quando una nave perde il suo