Economia: boom del commercio online? Sì, e il pacco arriva al bar!

Con la crisi cambiano le abitudini dei consumatori, e internet diventa sempre più protagonista. Infatti, secondo i dati resi noti oggi da Indabox, la neonata start up torinese fondata da Michele Calvo e Giovanni Riviera e costituita da una fitta rete di bar, tabaccherie e supermercati dove è possibile ricevere i propri acquisti online (oltre 1000), in questi ultimi anni c’è stato un vero e proprio boom del commercio virtuale mondiale che ha dato ossigeno ad aziende e artigiani.

Se pionieri sono stati gli Stati Uniti, grazie ai quali il giro d’affari del settore ha superato il trilione di dollari nel 2012, anche il Vecchio Continente non resta a guardare e complice la crisi, spuntano come funghi metodi alternativi per risparmiare senza rinunciare allo shopping.

Basta quindi un clic e centinaia di portali offrono l’opportunità di comprare qualunque cosa. Dal capo di abbigliamento, all’high tech, passando per alimentazione e cultura.  In Spagna i dati parlano di un + 100% dell’e-commerce in cinque anni con il 32% degli spagnoli che nell’ultimo hanno acquistato comodamente seduti davanti al proprio pc, tablet o smartphone.

Il giro d’affari nel Regno Unito ha raggiunto quota 74 miliardi di euro, in vetta, seguito dalla Germania (43 miliardi), e dalla Francia (29 miliardi), e l’Italia? Nelle retrovie con un volume di “soli” 14 miliardi di euro ma non c’è da stupirsi.

Secondo l’ultimo indice Netindex.com, l’Italia è retrocessa dal 70° al 98° posto (su un totale di 198) dei paesi più veloci su internet e si è fatta superare persino dalla Grecia nel campo della velocità di download. Solo la Croazia fa meno bene. Appena davanti all’Italia? Il Kenya. A conferma di ciò, i dati del Censis secondo cui in Italia il tasso di utilizzo effettivo di internet resta limitato al 58%, contro una media europea del 75% e all’82% della Francia.

Se, da un lato, il trend appare consolidato, la concorrenza è spietata, e allora la differenza la fanno le idee innovative. E il caso della start up tutta torinese chiamata Indabox, che in meno di 2 anni si è già conquistata un posto al sole con un’intuizione semplice ma geniale. Perchè non dare la possibilità a coloro che acquistano sul web ma che non sanno dove far arrivare i propri pacchi, (non hanno una portineria e non vogliono sfruttare il proprio ufficio), di ritirarli comodamente al bar o alla tabaccheria sotto casa e, perchè no, presso il proprio supermercato la sera durante la spesa?

Indabox, il primo network in Italia che facilita lo shopping online ha superato i 1000 punti di ritiro e fissa l’obiettivo dei 2000 entro i primi 6 mesi del 2015. A pochi mesi dal lancio IndaBox raggiunge un importante traguardo numerico senza dimenticare la qualità: l’80% dei punti di ritiro, infatti, osserva orario continuato per un offrire agli online shopper un’esperienza d’acquisto sempre più comoda e semplice.

“La semplicità è la chiave del nostro successo – conferma Michele Calvo – e finalmente stiamo portando l’Italia nell’Europa digitale. Aziende come la nostra sono una realtà in Europa ma la strada è ancora lunga ma siamo fiduciosi che offrire a tre euro, ovvero il costo di 2 biglietti della metro, la comodità di ritiro possa contribuire ad incentivare questo circolo virtuoso. L’Italia è la culla mondiale delle star up fin dal Rinascimento – conclude Calvo – e il 2015 sarà l’anno del rilancio.”

L’esempio di Indabox conferma una tendenza globale. Fra i cugini d’oltralpe, impazza Pickup, un servizio con oltre 7.000 punti vendita che punta molto sui piccoli centri urbani dove spesso ritirare un pacco significa perdere ore di lavoro. Tra i Pirenei, l’offerta varia ancora di più con Kiala (usata da aziende come Amazon o Nespresso), Yupick , Punto Pack o Celeritas (Zalando, Percentil).

Nonostante i ritardi, i numeri italiani sono incoraggianti. Secondo gli studi dell’ultimo E-commerce Forum Netcomm, sono oltre 20 milioni gli italiani che almeno una volta hanno comprato in rete un bene o un servizio con un aumento del 20% nell’ultimo anno. Tra i protagonisti di questa scalata, e non poteva essere altrimenti per il Paese che è al terzo posto al mondo per il numero di cellulari pro capite, è lo smartphone che grazie alla sue app rende obsoleto il buon e vecchio computer.

GD Star Rating
loading...
GD Star Rating
loading...
Tags: ,   |
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network
E’ il tasso inflazione previsto dal FMI per il paese del Venezuela. Occhio al rischio contagio. 1.000.000 % Un tasso che
Le trimestrali in uscita in questi giorni sono migliori delle attese. Malgrado questo non si vede nel COT report una particol
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) ) [ uscita rialzista ] pros
Analisi tecnica: grafico FCA e prospettive di breve-medio periodo. Era abbastanza prevedibile. Quando una nave perde il suo
I numeri snocciolati in questo momento con gli utili trimestrali dalla borsa USA e nella fattispecie dallo SP500 sono veram
Ftse Mib: apre nuovamente in rosso il listino italiano in scia ovviamente alla notizia del cambio repentino e inaspettato ai ve
Avevamo lasciato l'indice Biotech in una fase di stallo che tra alti e bassi restava bloccata in una zona pericolosa. Lentament
Guest post: Trading Room #289. La configurazione grafica della settimana scorsa non dà particolari segnali operativi. E' un
La Rita, la  “rendila integrativa temporanea anticipata" ha la finalità di consentire ai lavoratori dipendenti iscritti all
La quiete prima della tempesta, ormai i mercati fanno totale affidamento sulle banche centrali che in questi giorni d'estat