IPO: con un rendimento medio del 17,1% le IPO 2014 hanno sovraperformato i principali indici mondiali

Scritto il alle 12:54 da redazione [email protected]

Lo studio EY Global IPO Trends evidenzia la crescita delle operazioni di IPO a livello mondiale nel 2014. Nel corso dell’anno sono state infatti realizzate 1.206 IPO con una raccolta complessiva di 256.5 miliardi di dollari, in aumento del 35% in volume e del 50% in valore rispetto al 2013.

Anche se il 2014 ha rappresentato l’anno migliore per le IPO dal 2010 ad oggi sia in termini di ricavi, che di volumi, la volatilità sui mercati azionari internazionali nel mese di ottobre ha contribuito a frenare le aspettative rispetto al quarto trimestre, confermando il 2014 come un anno positivo, ma non un anno record.

Paolo Zocchi, Strategic Growth Markets leader di EY Med, commenta: “A livello mondiale il 2014 è stato un anno positivo per le IPO, segnando in media un rendimento del 17,1% l’anno. Tra i settori più attivi nel nostro paese emergono Media and Entertainment ed Energy and Power. Lo scenario futuro per l’Italia però resta ancora da delineare, e auspichiamo che nel 2015 maggiori operazioni di valore possano andare a buon fine”.

Gli sponsor finanziari, approfittando del sentiment positivo sul mercato, hanno continuato a svolgere un ruolo dominante sul mercato mondiale delle IPO, in particolare negli Stati Uniti, Europa continentale e Regno Unito, liquidando assets acquisiti all’apice del ciclo- economico 2006-07.

Le IPO promosse da sponsor finanziari sono state 328, con una raccolta complessiva di 124.4 miliardi di dollari, in aumento dell’86% rispetto al 2013: quasi la metà (48%) del valore complessivo delle IPO globali e il 27% del volume, la performance migliore dal 2001.

I deal cross-border hanno caratterizzato il 2014: sono state infatti 129 le IPO (10,7%), la percentuale più alta dal 2007 ad oggi. Il 52% di queste operazioni sono state realizzate sulle borse statunitensi, il 23,3% del volume totale delle IPO negli Stati Uniti. Le altre destinazioni per quotazioni straniere sono Londra (22% delle offerte), Australia (9%), Singapore (4%), Germania (2%) e Hong Kong (1%).

Maria Pinelli, Global Vice Chair of Strategic Growth Markets di EY, aggiunge: “Gli Stati Uniti sono una calamita per attrarre i capitali stranieri poiché offrono una moderna infrastruttura, una comunità di analisti consapevole ed un attento pool di investitori pronti a investire per la crescita. Tuttavia, le aziende possono trovare difficile controllare l’andamento dei prezzi delle società quotate sulle borse dell’area Asia-Pacifico, che hanno visto una così solida performance after-market che sta attirando un afflusso di capitali stranieri e che sta portando ad un’abbondanza di liquidità. È possibile che questi scambi contribuiranno ad accrescere la sfida nel 2015 e oltre”.

La solida performance del settore cross
Aziende provenienti da diversi settori continuano ad approdare sul mercato: nessun settore rappresenta singolarmente oltre il 16% delle IPO a livello mondiale. I primi tre in termini di numero di deal sono il settore Health Care (193 IPO, 16% del totale mondiale), seguito da Technology (167 IPO, 14%) e Industrials (142 IPO, 12%).

In termini di capitale raccolto, Technology è il settore leader, con una raccolta complessiva di 50.2 miliardi di dollari, trainato dai ricavi provenienti dalla quotazione record di Alibaba con 25 miliardi di dollari. Altri risultati importanti sono stati ottenuti dal settore Financial ed Energy, con una raccolta pari a 39.9 e 30.2 miliardi di dollari.

Pinelli commenta: “L’IPO rappresenta una strategia collaudata per le aziende che operano in un’ampia gamma di settori. Anche se alcuni mercati hanno una forte appartenenza a settori particolari, la chiave per sbloccare valore è per le aziende quella di arrivare sul mercato con una proposta molto attraente che dimostra come una IPO può aiutare ad accelerare la crescita”.

Gli Stati Uniti guidano il ranking internazionale per volume e valore di IPO
Gli Stati Uniti guidano il ranking internazionale con 224 quotazioni ed una raccolta complessiva di 54.5 miliardi di dollari, seguiti da Cina con 206 IPO e una raccolta di 65.8 miliardi di dollari e Giappone con 83 IPO e una raccolta di 11.8 miliardi di dollari.

Il Nasdaq rappresenta l’indice principale al mondo per numero di IPO (14% del totale mondiale) mentre il New York Stock Exchange guida la classifica per capitale raccolto (29% del valore complessivo), anche non considerando l’influenza dell’operazione Alibaba.

Il Regno Unito guida la classifica europea con 92 quotazioni ed una raccolta pari a 24,2 miliardi di dollari, seguito da Francia, 27 IPO ed una raccolta pari a 7,3 miliardi di dollari, Svezia, 25 IPO ed una raccolta di 3.8 miliardi di dollari. In Italia sono state realizzate 26 operazioni di IPO.

GD Star Rating
loading...
GD Star Rating
loading...
Tags: , ,   |
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network
Avvio brillante per il Ftse Mib che agguanta l’obiettivo grafico dei 21.500 punti. Attualmente scambia appena sopra questa so
Uno dei pilastri fondativi della previdenza complementare è  l’adesione volontaria. Questo principio sembra cancellato dai
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) ) [ uscita rialzista ] pross
https://youtu.be/18w1cyr7dwQ Google Pay sbarca anche in Italia. Il nuovo servizio del colosso tech americano permette di ges
Trovare il giusto equilibrio tra lavoro, produttività e vita privata. E' il desiderio espresso da molti lavoratori. Per il 2
Si amplia ulteriormente la gamma degli strumenti di investimento emessi da Banca IMI, grazie a 8 nuovi Cash Collect Certifi
Ftse Mib: prosegue al rialzo il Ftse Mib e conferma il break dei 21.122 punti e della trend line ribassista di breve periodo. P
A forza di dire che piove, qualcuno prima o poi ci prende. Il difficile è capire quanto pioverà, che cosa scatenerà il t
Era il 24 gennaio di un ormai lontano anno del Signore 2007, quando un ragazzo qualunque apri un blog qualunque e scrisse i
DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tecnica espressi all’interno