Arrivano aumenti per i buoni pasto?

E’ stato approvato l’emendamento che prevede l’aumento a 7 euro del valore esentasse dei buoni pasto elettronici.

Secondo una stima tratta da una ricerca Openeconomics dell’Università Tor Vergata, ogni lavoratore beneficiario avrebbe in un anno 400 euro in più per la spesa alimentare. Keller, AD di Edenred ha espresso con chiarezza i benefici secondo la sua opinione: “Con questa misura crescono PIL e occupazione

L’iter della riforma del regime fiscale dei buoni pasto, che si attendeva dal 1998, ha raggiunto un traguardo importante con l’approvazione dell’emendamento alla Commissione Bilancio della Camera dei Deputati per l’innalzamento a 7 euro del valore esentasse dei buoni pasto elettronici proposto dal parlamentare Marco Causi (PD). Ora l’emendamento dovrà passare prima alla Camera per poi approdare al Senato.

Esprimiamo soddisfazione per questa misura – ha affermato Andrea Keller, amministratore delegato di Edenred Italia, il Gruppo che ha inventato il Ticket Restaurant® e leader nel mercato dei buoni pasto –. E’ in arrivo per i dipendenti italiani un investimento di 500 milioni di euro per la loro pausa pranzo, che genera un’integrazione di reddito di circa 400 euro a testa all’anno per la spesa alimentare. L’innalzamento del valore esentasse del buono pasto elettronico a 7 euro è un importante passo verso lo sviluppo delle tecnologie digitali in Italia. Secondo le proiezioni dell’Università di Tor Vergata e di Open Economics, con il tetto defiscalizzato a 7 euro il settore dei buoni pasto raggiungerà l’1% del PIL, si registrerà un aumento dell’occupazione di 16.398 posti di lavoro diretti”.

Nei soli settori direttamente interessati alla spesa per buoni pasto (esercizi ricettivi, agricoltura, alimentari bevande, commercio e GDO), è atteso un incremento occupazionale di 16.398 unità lavorative. Ma le previsioni potrebbero essere ancora più rosee se consideriamo anche l’indotto, ovvero i posti di lavoro indiretti generati dall’intervento su tutti i settori dell’economia della filiera (agricoltura e pesca, industria,
costruzioni e servizi): l’incremento occupazionale potrebbe arrivare quindi a 73.748 unità.

Sempre secondo lo studio di OpenEconomics, questa misura innescherebbe
maggiore entrate fiscali per il Governo di circa 936 milioni di euro.

Il mercato dei buoni pasto sarà inoltre sempre più digitale e si prevede che alla  luce della nuova disposizione vengano introdotti 35.000 nuovi POS che si aggiungeranno agli attuali 40.000 terminali già in uso, con un forte contributo alla digitalizzazione del sistema Italia.

GD Star Rating
loading...
GD Star Rating
loading...
Arrivano aumenti per i buoni pasto?, 10.0 out of 10 based on 2 ratings
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network
Sembra ormai ad un passo un primo accordo tra USA e Cina, un primo passaggio che poi necessiterà di altre conferme. Ma il me
Daimler e BMW hanno unito le forze per creare la nuova Powerhouse europea della mobilità all'interno di un nuovo family brand.
Il nuovo sistema multifunzione a colori A4 TASKalfa 351ci permette, a costi di gestione contenuti, una riduzione del consumo en
Dall'analisi evoluta dell'osteoporosi, alla formazione digitale per le donne fino all'utilizzo dei big data e dell'intellig
Avvio tranquillo per il Ftse Mib che si muove attorno a 20.250 punti in marginale rialzo rispetto alla chiusura precedente. La
In un mondo normale un analista o ricercatore che da mesi mette in guardia sulle reali condizioni dell'economia globale, ve
Ivonne Forno, CEO di Laborfonds, il fondo pensione complementare territoriale del Trentino-Alto Adige , in una lunga intervista
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ uscita rialzista ] prossimo
Guidare una moto fruendo del Cloud, Internet of Things e Intelligenza Artificiale. Da qui IBM e Harley Davidson Motor Company a
Ftse Mib: l'indice italiano rimane ancorato alla resistenza statica dei 20.236 punti. Poco sopra passa anche la media mobile 20