Legge stabilità: l’aumento del valore esentasse dei buoni pasto è una misura che rilancia i consumi

La riforma decennale sul regime fiscale dei buoni pasto sembra essere arrivata ad una svolta positiva. La Commissione Finanze della Camera dei Deputati, infatti, esaminerà la proposta d’innalzamento del valore esentasse del buoni pasto contenuta nei due emendamenti alla legge di Stabilità.

Le modifiche proposte sono di due tipi: nel primo caso si tratta di un aumento del valore esentasse fino a 7 euro del buono pasto in qualsiasi forma; nel secondo caso, tale innalzamento sarebbe di 6 euro per il buono pasto in forma cartacea e di 7 euro per il buono pasto in forma elettronica. La deducibilità dei buoni pasto, oggi, è pari alla soglia di euro 5,29 per ogni giorno lavorato.

“Accogliamo con soddisfazione l’avvio dell’iter parlamentare di riforma di un sistema che attende dal 1998 un allineamento al costo della vita– ha affermato Andrea Keller, Amministratore Delegato Edenred Italia -. “Gli studi condotti da OpenEconomics e Università di Tor Vergata sull’impatto del sistema dei buoni pasto nell’economia italiana mostrano dei numeri assolutamente interessanti. Su un valore del mercato di circa 2,8 miliardi di euro, il buono pasto e la catena di valore aggiunto già oggi rappresentano lo 0,72% del PIL; un aumento del valore esentasse a 7€ porterebbe il settore a rappresentare lo 0,90% del PIL con conseguente aumento di entrate fiscali, valore aggiunto nei pubblici esercizi e maggior potere di acquisto sui lavoratori. Siamo certi che aumentare il valore dell’esenzione fiscale del buono pasto contribuirà a far ripartire i consumi e che le ripercussioni positive si vedranno non solo a livello individuale, con un incremento del potere d’acquisto subito fruibile e che non può essere distratto nel settore del risparmio, ma anche a livello dell’intero sistema Paese.”

Negli scorsi mesi anche Anseb, l’associazione nazionale degli emettitori buoni pasto aderente a Fipe-Confcommercio, in più di un’occasione si è espressa a favore di un aumento del  valore di deducibilità fiscale del buono pasto, presentando i vantaggi di tale riforma nel corso di un convegno organizzato a Montecitorio con Fipe, Confcommercio, Cittadinanzattiva, Adiconsum, Adoc, Federconsumantori, Movimento Consumatori, Cgil, Cisl e Uil.

GD Star Rating
loading...
GD Star Rating
loading...
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network
Molto spesso l’uomo della strada, l’ipotetico signor Rossi (inteso come il risparmiatore tradizionale italiano, con una
Ftse Mib: l'indice italiano rimane nei pressi dei 22.000 punti in attesa di spunti. Stm dopo i conti flette del 3,6% pesando su
Fino a qualche anno fa, il petrolio era un vero “faro” per l’analisi intermarket (ulteriore segno di come i tempi sia
Chi mi conosce sa che provengo dal mondo cooperativo, da oltre 33 anni il mio cammino professionale è stata all'interno de
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) ) [ uscita rialzista ] pros
Il 90% dei trader perde soldi Io come tutti i trader che oggi guadagnano costantemente nel primo periodo le cose non erano r
Dopo i brividi ribassisti di ieri, il Ftse Mib oggi ritrova la strada rialzista e soprattutto risale nelle prime battute sopra
Come sempre all'improvviso qualcuno si accorge che le dinamiche economiche, quelle finanziarie sono le più semplici, loro
E’ il tasso inflazione previsto dal FMI per il paese del Venezuela. Occhio al rischio contagio. 1.000.000 % Un tasso che
Le trimestrali in uscita in questi giorni sono migliori delle attese. Malgrado questo non si vede nel COT report una particol