Smart working: quali sono i requisiti per il luogo di lavoro ideale?

Scritto il alle 12:16 da redazione [email protected]

Grazie al progressivo miglioramento delle connessioni in rete e alla continua diffusione degli strumenti informatici, nuovi modelli organizzativi come il telelavoro o il lavoro agile e flessibile, stanno rapidamente prendendo piede. Secondo un’indagine svolta da Regus, il principale fornitore di spazi di lavoro flessibili, su oltre 22.000 manager e professionisti in 100 paesi, quasi la metà dei dirigenti (il 48% a livello globale e il 46% in Italia) dichiara di lavorare in modo agile e flessibile per almeno la metà della settimana e gli impiegati ancora legati alla scrivania tradizionale rappresenteranno presto una sparuta minoranza.

Da casa o in viaggio, i luoghi dove connettersi e lavorare senza dover andare in ufficio sono molti e la domanda di spazi di lavoro e di uffici temporanei, dove poter lavorare in modo comodo ed efficace è in crescita dell’83% rispetto al 2013. (fonte: Deskmag Third Annual Coworking Survey, 2013)

Quali sono le caratteristiche del luogo di lavoro ideale? E quali sono le aspettative degli utenti a livello globale e a livello italiano?

Innanzitutto la disponibilità di connessioni veloci e affidabili, per l’82% dei rispondenti, seguita dalla sicurezza per gli effetti personali, i dispositivi elettronici e i documenti (67%).

La qualità della location, degli arredi e la funzionalità degli ambienti è un altro punto rilevante e particolarmente sentito (media globale 63%, Italia 54,1%), unitamente alla disponibilità di servizi di segreteria efficienti e professionali (media globale 55%, Italia 48,6%)

La facilità dei collegamenti con reti di trasporto pubblico collettivo (ferrovie, aeroporti, metropolitane, tram etc.) è un fattore determinante per il 49% dei rispondenti(media globale).Questo punto evidenzia le differenti concezioni della mobilità tra il nord America e gli altri paesi europei o asiatici. Negli Stati Unitila vicinanza ai mezzi di trasporto pubblici è un’esigenza sentita solo dal 28% (in Canada dal 39%) poiché la mobilità è basata sull’automobile. In Cina e Giappone è sentita dal 55% e nei Paesi europei diventa un fattore determinante in Germania (67%), Francia (62%), Regno Unito (56%) e in Italia (52,5%). Complementare a questo è la disponibilità di posti auto, ritenuta importante dal 48% a livello mondiale e solo dal 40% in Italia, probabilmente in considerazione che i posti auto nelle nostre città in ogni caso sono difficilmente disponibili.

Seguono altre necessità, come la vicinanza a casa per il 23%, l’indirizzo in vie o edifici di prestigio (19%) e la vicinanza a scuole o asili nido (6%).

“Molti professionisti e manager non hanno più la necessità di viaggiare quotidianamente per raggiungere una sede di lavoro fissa, perché smartphone, tablet, portatili e applicazioni basate sul cloud consentono di connettersi con flessibilità e in modalità remota”, ha dichiarato Mauro Mordini General Manager di Regus in Italia, aggiungendo che “Poter utilizzare le tecnologie esistenti per lavorare presso una sede più pratica e comoda come un business center, consente di svolgere la propria attività in modo più produttivo, ma anche in piena sicurezza e tranquillità, avvalendosi di strutture professionali e di un supporto di segreteria efficace. In questo modo si risparmia sui costi fissi di struttura, ottimizzando il tempo e con meno stress dovuto agli spostamenti”.

GD Star Rating
loading...
GD Star Rating
loading...
Smart working: quali sono i requisiti per il luogo di lavoro ideale?, 9.0 out of 10 based on 1 rating
Tags: ,   |
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network
Sembra ormai ad un passo un primo accordo tra USA e Cina, un primo passaggio che poi necessiterà di altre conferme. Ma il me
Daimler e BMW hanno unito le forze per creare la nuova Powerhouse europea della mobilità all'interno di un nuovo family brand.
Il nuovo sistema multifunzione a colori A4 TASKalfa 351ci permette, a costi di gestione contenuti, una riduzione del consumo en
Dall'analisi evoluta dell'osteoporosi, alla formazione digitale per le donne fino all'utilizzo dei big data e dell'intellig
Avvio tranquillo per il Ftse Mib che si muove attorno a 20.250 punti in marginale rialzo rispetto alla chiusura precedente. La
In un mondo normale un analista o ricercatore che da mesi mette in guardia sulle reali condizioni dell'economia globale, ve
Ivonne Forno, CEO di Laborfonds, il fondo pensione complementare territoriale del Trentino-Alto Adige , in una lunga intervista
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ uscita rialzista ] prossimo
Guidare una moto fruendo del Cloud, Internet of Things e Intelligenza Artificiale. Da qui IBM e Harley Davidson Motor Company a
Ftse Mib: l'indice italiano rimane ancorato alla resistenza statica dei 20.236 punti. Poco sopra passa anche la media mobile 20