Mondiali calcio 2014: imprese brasiliane scettiche sulle ricadute economiche

Scritto il alle 18:30 da redazione [email protected]

Il Mondiale di calcio 2014 è iniziato ufficialmente ieri, con il match di San Paolo tra Brasile e Croazia finito 3 a 1 a favore della squadra di casa. L’entusiasmo dei tifosi non trova però riscontro in quello delle imprese del Paese carioca, molto meno entusiaste di ospitare l’evento rispetto a due anni fa.

È quanto rivela la ricerca condotta da Grant Thornton nell’ambito dell’International Business Report (IBR) su un campione di 675 imprese brasiliane quotate e non, intervistate dal 2012 ad oggi. Tuttavia, nonostante poche imprese prevedano maggiori investimenti o maggiori profitti per il fatto che il Brasile ospiterà la competizione, la speranza è che i miglioramenti apportati alle infrastrutture e il maggior afflusso di turisti abbiano ricadute positive a lungo termine.

L’ International Business Report rivela che la percentuale di imprese brasiliane che ritiene che ospitare i Mondiali si tradurrà in una crescita economica più rapida è scesa dall’80% del 1° trimestre 2012 al 33% soltanto nel 1° trimestre 2014. Allo stesso modo, solo l’11% delle imprese ora pensa di effettuare investimenti extra in vista dell’evento, contro il 23% nel 2012. Un ulteriore 19% di imprese prevede un incremento dei profitti, e il 52% ritiene che sarà il turismo il settore ad avere il maggior incremento dell’attività.

Madeleine Blankenstein, partner di Grant Thornton Brasile ha commentato: “L’entusiasmo delle imprese per i Mondiali è sicuramente diminuito man mano che la situazione economica brasiliana è andata peggiorando negli ultimi 24 mesi. Inizialmente c’era molta speranza tra le imprese che gli investimenti in infrastrutture necessari per preparare il Paese ad accogliere 600.000 turisti quest’estate – per non parlare di quelli previsti per le Olimpiadi nel 2016 – avrebbero dato impulso alle prospettive di crescita dell’economia a lungo termine. Avrebbe dovuto essere un’opportunità per mettere il Brasile nella vetrina globale, invece l’attenzione dei media internazionali si è focalizzata sui ritardi nella costruzione degli stadi e sulle proteste pubbliche contro sia il governo che la FIFA”.

Oltre due imprese su cinque prevedono che gli investimenti in infrastrutture – in particolare quelli nel settore dei trasporti – saranno il lascito più a lungo termine dei Mondiali (42%), con un ulteriore 26% che prevede un maggior afflusso di turisti. Tuttavia, quasi un terzo dei business leader ritiene che la costruzione degli stadi nella propria città abbia influito negativamente sulla vita quotidiana e soltanto il 40% crede che gli stadi verranno ben utilizzati una volta finito il torneo.

“Come per il Nido d’uccello a Pechino e il Green Park Stadium di Città del Capo, è difficile immaginare l’Amazonas Stadium di Manaus ben utilizzato dopo l’evento, ma ci sono buoni esempi da seguire così che i nuovi stadi non cadano in disuso, in particolare quello della zona est di Londra in seguito alle Olimpiadi del 2012. L’evento ha permesso a questa parte trascurata della capitale inglese essere modernizzata e successivamente di attrarre significativi investimenti commerciali e residenziali”, ha continuato l’analisi Madeleine Blankenstein, secondo cui “sfortunatamente alcuni dei miglioramenti negli stadi e nelle aree circostanti saranno portati a termine troppo tardi per i Mondiali di calcio. Tuttavia, c’è ora maggior consapevolezza nel governo e nel settore privato delle mancanze nelle infrastrutture e delle priorità, prima di tutto per preparare il Paese alle Olimpiadi e in secondo luogo affinchè una crescita sostenibile possa diventare realtà”.

GD Star Rating
loading...
GD Star Rating
loading...
Mondiali calcio 2014: imprese brasiliane scettiche sulle ricadute economiche, 8.5 out of 10 based on 2 ratings
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network
Oggi prima di parlare della previsione vorrei raccontare di una riflessione che ho fatto venerdì dopo aver fatto una chiacchie
FTSE Mib: il listino tricolore dopo aver testato venerdì la resistenza statica poco sopra 22.800 punti e quella dinamica costi
Donald trump ha appena raccontato alla Merkel come intende sistemare l'Europa, mentre tacchini e polli americani continuan
Sono tutti capaci ad ammaliare le folle con discorsoni, grandi promesse e parolone che poi puntualmente non vengono mantenu
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016 (range 15017/21194 ) ) [ uscita rialzista ] prossimo
Finalmente qualcosa si muove nel mondo dei derivati USA ed il COT Report ci riporta gli Small Traders nuovamente in posizione
Durante la mia assenza l'indice Biotech ha stornato. Eravamo rimasti con questo in una zona di forte indecisione e sembrava pro
Mentre la notizia dei Bitcoin Futures sta rimbalzando tra i mass-media di tutto il mondo, compresi i TG italiani e mentre s
FTSE Mib: l'indice italiano oggi è alle prese con il test dei 22.830 punti, dopo la rottura venerdì scorso della resistenza d
Mentre altri vi raccontano le meraviglie dell'ultimo sondaggio sull'occupazione che registra un aumento di 228.000 unità,